Chiuso alla Rocca in isolamento, ha confidato al telefono al Corriere, tre mesi fa: «Sì, ho avuto paura, come tutti, quando mi hanno comunicato il test positivo al Covid-19. Con Charlène (al sicuro nella tenuta di Roc Agel)ci sentiamo al telefono più volte al giorno, per tranquillizzarla». Adesso, superata la personale battaglia con il virus, Alberto di Monaco si prepara all’altra sua grande scommessa 2020: aiutare la ripresa del Principato, dopo il lockdown. Una sfida che sta mettendo alla prova l’Europa intera, in uscita dall’incubo della pandemia. Mentre tra qualche giorno — a metà luglio – saranno per lui 15 anni tondi di responsabilità come principe sovrano di Monaco: leggi l’articolo