Quest’estate è stato effettuato un sondaggio tra le aziende che hanno implementato il telelavoro. I risultati sono molto incoraggianti.

 

Nel Principato, 61 aziende hanno implementato il telelavoro. Sulla base del lavoro volontario all’interno dell’azienda o come parte delle condizioni di assunzione dei dipendenti, il sistema solleva tuttavia ancora molte questioni. Tuttavia, il governo ne ha fatto una delle sue priorità per i prossimi anni. Adottato dal settore privato nel 2016, riguarda attualmente 665 dipendenti, di cui il 60% uomini e il 40% donne. Solo il 5% dei telelavoratori ha sede a Monaco. Gli altri si trovano nei comuni limitrofi o in Francia.

 

I datori di lavoro sono soddisfatti del telelavoro

Questo è il risultato del questionario sotto forma di una relazione sullo stato di avanzamento presentata quest’estate alle società interessate. Per analizzare i risultati di questa indagine, una ventina di rappresentanti dell’azienda sono stati recentemente ricevuti dal Ministero dello Stato. E, a dir poco, i datori di lavoro sono soddisfatti. In primo luogo, per il guadagno di produttività ottenuto. Il tempo di pendolarismo viene infatti reinvestito nel lavoro e i telelavoratori sono più inclini a mostrare la loro reattività. In secondo luogo, per la flessibilità della sua attuazione. Se non va bene per il dipendente, può abbandonarlo e tornare ai tradizionali giorni di lavoro.

Tutto questo feedback positivo incoraggia il governo a continuare e sviluppare una pratica che vorrebbe vedere adottata dal servizio pubblico a lungo termine. Nel frattempo, Didier Gamerdinger, il consigliere del governo per le imprese Sociale e Sanità, che “crede molto” in questa pratica, ha chiesto alle autorità italiane di considerare la possibilità di aprirla ai lavoratori transalpini.