Monaco ha una ben meritata reputazione di essere uno dei luoghi più sicuri e pacifici della Terra. Anche se il Principato deve ancora raggiungere l’Islanda per rivendicare il primo posto come il luogo più sicuro del mondo, gli ultimi dati della Surete Publique mostrano che il tasso di delinquenza generale continua a diminuire.

 

Diminuzione dei furti con scasso e dei borseggiatori

Presentando le statistiche annuali in occasione dei tradizionali auguri d’inizio anno, Patrice Cellario, consigliere governativo e Ministro dell’Interno, ha sottolineato che tra il 2016 e il 2019 la delinquenza in generale è diminuita del 16% e la criminalità di strada del 52%. Tra il 2018 e il 2019, le infrazioni di carattere generale constatate sono passate da 936 a 889 e da 121 a 90 i reati legati alla criminalità di strada. I furti con scasso sono diminuiti del 23% e i borseggiatori del 73%.

 

Aumento dei fenomeni criminali connessi al trasporto

Il quadro è meno roseo quando si tratta di trasporto. I furti di moto sono aumentati del 20% e gli incidenti stradali nel Principato sono aumentati del 25%, mentre i reati di guida in stato di ebbrezza sono aumentati del 10%. I monegaschi hanno chiamato la polizia 9.426 volte nel 2019 e le forze di sicurezza hanno trascorso 43.447 ore sul posto. In effetti, c’è un poliziotto ogni cento abitanti.

S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco ha risposto al intervento del Ministro affermando che: Ogni cosa si conquista ogni giorno. Insieme, persevereremo, nella vigilanza e nel rigore, nel rafforzare la sicurezza di questa oasi di tranquillità che è il Principato di Monaco.

 

Nuovi progetti di sicurezza

Il Ministro ha evocato i principali progetti di sicurezza per il 2020, tra cui la creazione di un’unità di intercettazione di droni, l’introduzione di mezzi aggiuntivi per proteggere gli anziani e le persone vulnerabili e l’aggiunta di un nuovo motoscafo per la polizia marittima. Inoltre, il Ministro desidera creare una brigata composta da 10 agenti incaricati di vigilare sull’impatto sonoro, combattendo contro le auto, le moto, i cantieri residenziali rumorosi per garantire che Monaco rimanga un luogo più tranquillo per tutti i residenti.