La start-up BIOceanOR, basata a Sophia-Antipolis sulla Costa Azzurra, ha sviluppato una stazione meteorologica subacquea digitale che sta rivoluzionando la conoscenza degli ambienti acquatici. Può monitorare la qualità dell’acqua in tempo reale e per previsione, garantendo così il controllo sanitario degli allevamenti ittici. Ma non solo…

 

Creato nel gennaio 2018 a Sophia-Antipolis vicino a Nizza in Francia, BIOceanOR progetta sistemi per la misurazione della qualità dell’acqua di mare. Fondata da Charlotte e Samuel Dupont, entrambi dottori di ricerca in microbiologia marina, la start-up combina la doppia competenza dei suoi manager: scienza dei dati per Charlotte e biologia marina per Samuel che ha lavorato all’Ifremer e al CNRS. Durante le sue precedenti esperienze, il biologo si è reso conto che non esistevano strumenti diversi da quelli manuali (termometro, sonda di misura, ecc.) per garantire il controllo sanitario degli allevamenti ittici e che i dispositivi esistenti non funzionavano in modo continuo.

 

Aiutare gli allevamenti ittici

Basandosi sull’osservazione che “gli allevamenti di acquacoltura sono soggetti a un ambiente marino fluttuante, a volte sfavorevole, che può avere un impatto sulla produzione”. Samuel è convinto che un controllo più approfondito della qualità dell’acqua attraverso la raccolta automatica di dati ricorrenti faciliterà la gestione dell’allevamento e consentirà agli allevatori di aumentare la produttività. BIOceanOR sviluppa quindi stazioni meteorologiche subacquee digitali per monitorare la qualità dell’acqua in tempo reale e per previsione.

Denominato AquaREAL e autonomo dal punto di vista energetico, questo dispositivo, fisso o galleggiante, può misurare la qualità dell’acqua secondo più di 14 parametri fisico-chimici, come temperatura, salinità, torbidità, ossigeno disciolto o inquinanti come ammonio e nitrato, e ottenere risultati di analisi dell’acqua in pochi secondi. “Non è più necessario prelevare campioni da analizzare in laboratorio in seguito”, spiega Samuel Dupont. “I risultati vengono comunicati in pochi secondi su un portale consultabile via Internet o un’applicazione mobile, con un sistema di allerta in caso di problemi.”

 

Un mercato colossale

Con circa 3.500 aziende di acquacoltura e una produzione di poco più di 200.000 tonnellate all’anno (dati INSEE 2014), la Francia è il secondo produttore dell’Unione Europea. Questo lo rende un importante mercato potenziale per la commercializzazione delle stazioni collegate. Tanto più che l’acquacoltura, che fornisce quasi la metà del pesce consumato in tutto il mondo, ha davanti a sé un futuro brillante. BIOceanOR ha già dispiegato una cinquantina di stazioni meteorologiche subacquee in Francia, in Polinesia dove ha vinto il Grand Prix 2019 ai Tech4Islands Awards, in Olanda, Spagna e Canada.

Ma BIOceanOR non si limita al solo mercato dell’acquacoltura. La start-up vuole anche attirare attori pubblici e privati per i quali il monitoraggio ambientale, come quello delle acque di balneazione, è essenziale: municipi responsabili della qualità dell’acqua nelle zone di balneazione, organizzazioni di tutela ambientale…”. Stiamo discutendo con le comunità locali e speriamo di trovare una soluzione entro l’estate del 2020″, afferma Charlotte Dupont.

 

di Nadège Delalieu