Maestosamente eretto nel cuore del Principato, il Casino di Monte-Carlo è senza dubbio uno dei più bei casinò del mondo. Fu inaugurato nel 1865. L’uomo dietro la sua costruzione è François Blanc, il fondatore della Société des Bains de Mer (SBM).

L’uomo d’affari provenzale è stato commissionato dal principe Carlo III di Monaco per rendere il Principato più attraente per i turisti e gli stranieri facoltosi. Intorno al Casinò di Monte-Carlo sono stati costruiti alberghi (tra cui il famoso Hotel de Paris), ma anche ville e giardini (come la Place du Casino).

Nel 1878, la SBM chiamò l’architetto francese Charles Garnier per progettare una sala per concerto adiacente al casinò, direttamente ispirata al teatro dell’Opera di Parigi. Dopo sei mesi di lavoro, l’Opera di Monte Carlo è inaugurata nel gennaio 1879. Il successo è immediato e vista la folla, le sale da gioco del casinò devono essere ampliate, così come le terrazze e i giardini. In solo vent’anni, il Principato diventa famoso e attira tutta l’alta società: principi, principesse, imperatori, duchi e milionari si incontrano per giocare. Di fronte al successo finanziario di Monaco, campagne contro “gli atti mostruosi dell’inferno monegasco” sono condotte in Francia e in Italia – dove il gioco d’azzardo è vietato.


Il Casinò di Monte Carlo nella letteratura: ” Nel mezzo del villaggio: un palazzo. In mezzo alla città: un casinò. Nel palazzo regna un principe. Nel casinò regna un dio: il caso”, Sacha Guitry, Memoria di un baro, 1929.


Con il suo stile Belle Époque, il Casinò di Monte-Carlo è composto da sette sale da gioco e saloni in cui si trovano slot machine e sale da gioco, oltre a numerosi salotti privati aperti ai clienti più prestigiosi. Lo stabilimento ha anche due ristoranti: il Salon Rose, una brasserie accogliente, e il Train Bleu, un ristorante gastronomico aperto solo la sera. Il Casino de Monte-Carlo offre un ambiente idilliaco, delimitato da giardini e da un’incredibile terrazza sul Mar Mediterraneo.

Travel Club Monaco

Lo stabilimento è noto per la sua sontuosa decorazione con dipinti, modanature, sculture e dorature a mano, così come le vetrate che rappresentano la storia dei Grimaldi. Alcune stanze sono illuminate da monumentali lampadari di cristallo bohemien, ognuno dei quali pesa più di 150 chili. Il bar e il soffitto della Sala Bianca sono decorati con mosaici, mentre i lampadari danno l’impressione di essere portati da imponenti cariatidi. È in questa stessa stanza che si trova un quadro che rappresenta tre famose cortigiane: Cleo de Merode, Liane de Pougy e la Belle Otero. Quest’ultima, rovinata dalle sue spese astronomiche, finirà la sua vita grazie a una pensione pagata dalla SBM.

Questo luogo mitico con la sua eccezionale architettura è stato utilizzato più volte come set per il cinema. Dal 1983, che dà luce al film Mai dire maidella saga cult di James Bond, altre tre sparatorie hanno avuto luogo al casinò di Monte-Carlo. Nel 1995, GoldenEye, James Bond di Martin Campbell con Pierce Brosnan vide anche le sue scene girate nel mitico casinò monegasco. Proprio come Coco di Gad Elmaleh nel 2009 e Fast and Furious 5 nel 2011.

Lo sapevate ? I monegaschi non sono autorizzati a giocare al Casinò di Monte-Carlo o in qualsiasi altro casinò del Principato. Questo divieto ha origine con Carlo III. A causa del basso reddito dei monegaschi all’epoca, ma anche per evitare qualsiasi rischio di frode, i dipendenti del casinò erano monegaschi, il sovrano proibì loro semplicemente di partecipare al gioco d’azzardo. Un divieto stipulato nel Atto del 1987.