James Bond è incaricato dall’MI6 di trovare il Goldeneye, un satellite russo rubato da mercenari, il cui potere d’urto potrebbe spazzare via qualsiasi capitale.

Negli ultimi giorni della guerra fredda, James Bond e il suo collega e amico Alec Trevelyan irrompono nell’impianto sovietico di gas nervino Arkangel, per distruggerlo. I due uomini vengono scoperti e, durante una violenta colluttazione, Trevelyan viene fatto prigioniero e uccsiso davanti agli occhi di Bond dal generale sovietico Uruumov. Anche se Bond riesce a scappare, rimarrà ossessionato dal fallimento nel salvare il suo amico. Durante una valutazione nove anni dopo, dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, Bond tenta di impedire all’affascinante Xenia Onatopp, un membro dell’organizzazione criminale Janus, di rubare un elicottero durante una manifestazione militare a Monte Carlo, ma non riesce ad impedire il furto. Seguono varie avventure che lo porteranno in tutto il mondo.