L’attesa è stata lunga ma saranno numerosi anche quest’anno i concerti dell’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo (OPMC). In programma ci sono pezzi noti e meno noti, così come Beethoven, che festeggia il suo 250° compleanno nel 2020. C’è anche un nuovo artista in residenza, Alexandre Kantorow, soprannominato “il giovane zar del pianoforte”.

Il cartellone dei concerti si apre con un programma variegato per soddisfare gli amanti della musica classica. C’è naturalmente Beethoven, perché quest’anno si celebra il 250° anniversario della nascita del compositore, ma anche Bruckner, Mendelssohn, Mozart e Schumann.

Nel 2021, saranno passati anche dieci anni dalla morte dell’ex direttore dell’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, Yakov Kreizberg. In suo onore, l’OPMC ha inserito nel suo programma i brani preferiti di questo musicista che aveva un debole per i compositori tedeschi.  

E’ un programma che ci fa viaggiare. Dopo la Germania di Beethoven, andiamo a “Mozart a Praga” e “Anima e sentimento russo“, per poi rivivere la Parigi prebellica con Débussy, Ravel e l’España di Emmanuel Chabrier in un concerto intitolato “Passione e umorismo“.

Un prodigio da ammirare

A partire da settembre possiamo scoprire alcuni interpreti eccezionali. Una menzione speciale meritano la pianista argentina Marta Argerich e il pianista Alexandre Kantorow, che è l’artista in residenza della stagione. Soprannominato “il giovane zar del pianoforte”, la rivista di musica classica Fanfare lo ha addirittura definito come “Liszt reincarnato”. Infatti, è il primo francese ad aver vinto il prestigioso Premio Tchaikovsky.

Musica dalla scuola all’ospedale

Ci saranno concerti, ma non solo. In effetti, l’Orchestra è coinvolta nella vita quotidiana del Principato di Monaco. Presso il Centro Ospedaliero Princess Grace si terranno concerti durante tutto l’anno con l’obiettivo di offrire ai pazienti “momenti di condivisione e convivialità in uno spirito di scambio intergenerazionale”. Nelle scuole del Principato, l’Orchestra propone un programma variegato in collaborazione con la Direction de L’Education Nationale: dalla scoperta di diverse famiglie di strumenti per le scuole materne, allo studio del legame tra musica e arte o letteratura per gli studenti delle scuole superiori.

Consulta il programma della stagione 20/21 (in francese)