È un americano, Edward N. Dickerson, che nel 1913 riunì sei lotti di terreno appartenenti a diversi proprietari per costruire una villa e un giardino, nel quartiere di Révoires, Boulevard de l’Observatoire.

Nel 1993, una società anonima monegasca acquista la villa dalla famiglia Fissore. Sarà venduta due anni dopo allo Stato monegasco. Nel 2008, viene deciso di farne la sede del Nuovo Museo Nazionale di Monaco. Il restauro della Villa Paloma doveva conservare l’aspetto originale del palazzo, che si trova nel cuore di un giardino e gode di una bella vista sulla città. Liberati da tutte le partizioni secondarie, i suoi quattro livelli, distribuiti dallo scalone, perdono il loro aspetto domestico per acquisire spazi vasti e quindi favorevoli alla presentazione delle opere.

Lo spirito della Villa non è però scomparso. Rimane nelle decorazioni dello scalone, le sue vetrate, i suoi mosaici, le sue colonne, e i cornicioni.

Tutti gli spazi sono accessibili al pubblico e dedicati alle mostre. I locali tecnici e logistici sono ospitati in un’estensione sotterranea costruita al posto della vecchia piscina, il cui tetto è ora l’ingresso al museo. Per quanto riguarda il giardino, esso costituisce la parte più bella della villa. Ha conservato il suo aspetto di giardino all’italiana e gode di un belvedere con vista sulla città e sul mare. Inoltre, la vegetazione esistente è stata mantenuta. Si è anche parlato di una collaborazione con il Parco della Principessa Antonietta e il Museo di Antropologia.