È una delle ultime ville Belle Époque di Monaco. Anche se la sua data esatta di costruzione è sconosciuta, sarebbe stata costruita all’inizio del 1900 e apparteneva alla famiglia Blanc, che fu molto influente nello sviluppo della Société des Bains de Mer e del Casinò di Monte-Carlo.


All’epoca, la zona lungo la costa si chiamava Quartier des Bas-Moulins e la spiaggia del Larvotto non esisteva ancora. Appena costruita, il terreno della villa scendeva dunque fino alla strada che costeggia il mare. La villa viene comprata nel 1904 dal il pittore Robert Sauber. Viste le somiglianze tra la villa e l’Opera di Monte-Carlo costruita nello stesso periodo da Charles Garnier, si è spesso tentato di attribuirla al famoso architetto della Belle Époque.

All’inizio degli anni 1930, i coniugi Sauber, allora anziani, lasciano la villa in eredità al London Police Court Relief Fund. I tribunali di polizia di Londra rimangono proprietari della villa per circa quindici anni. Nel 1952, la proprietaria è una certa Miss Nora Mac Caw. Nel 1957, essa la vende alla Société Immobilière de l’Avenue Princesse Grace. Infine, nel 1969, la Société Immobilière Domaniale de Monaco acquitta la Villa Sauber. Da allora, la casa e il suo giardino rimangono di proprietà dello Stato monegasco. Oggi è un museo d’arte contemporanea con due mostre annuali.