Nel 1981, la principessa Grace voleva far rivivere il teatro comico a Monaco. Per esaudire il desiderio della moglie, il principe Ranieri III inaugura questo nuovo teatro, noto prima come il Teatro delle Belle Arti.

Nel 1930, la Société des Bains de Mer lancia la costruzione di un complesso che combina un cinema e un teatro. Quando viene inaugurato nel 1932, il Teatro delle Belle Arti combina uno stile art deco molto sobrio con un’attrezzatura completa e moderna. René Blum, allora direttore dei Ballets de Monte-Carlo, viene incaricato della direzione del teatro e programma una stagione di commedie inglesi. Ma già nel 1936, Marcel Sablon propone una programmazione più classica di opere in lingua francese. Sul palcoscenico, gli spettatori possono vedere Jean Debucourt, Lucien Callamand, Jean Worms, Madeleine Renaud e Edwige Feuillère che hanno calcato le scene in creazioni di Roger Martin du Gard, Sacha Guitry, Louis Verneuil, Marcel Pagnol… E anche grandi nomi della canzone, come Édith Piaf, Maurice Chevalier e Marcel Mouloudji.

Conformemente al desiderio della principessa Grace di far rivivere il teatro comico nel Principato, il principe Ranieri III restaura dunque l’antico Teatro delle Belle Arti. In seguito, la Principessa ridisegna completamente la decorazione interna del Teatro. ha anche migliorato l’acustica e le condizioni di accoglienza degli attori sistemando dei camerini comodi e funzionali. Il 17 dicembre 1981, il Théâtre Princesse Grace viene inaugurato.

Più di trent’anni dopo, il palcoscenico del Princess Grace Theatre accoglie non solo i grandi nomi dello spettacolo, ma dà anche opportunità a giovani talenti. Con una linea artistica oggi rifocalizzata sulla disciplina teatrale, il Théâtre Princesse Grace è un palcoscenico riconosciuto e stimato, il cui contributo all’influenza culturale del Principato è senza dubbio.