Il nuovo tecnico del Monaco, Robert Moreno, prende il timone per la sua prima partita ufficiale contro il Reims negli ottavi di finale della Coupe de France. L’ex allenatore della nazionale spagnola e assistente di lunga data di Luis Enrique è deve dimostrare le sue capacità nell’assumere la guida di uno dei club più talentosi del calcio francese.

 

Moreno, 42 anni, non era mai stato capo allenatore prima del 2019, ma ha una notevole esperienza di allenatore di alto livello, essendo stato assistente di Enrique dal 2011 durante i suoi periodi a Roma, a Celta de Vigo, a Barcellona e infine alla nazionale spagnola. Dirigendo La Roja in assenza del suo mentore, Moreno li ha portati a un record di 7-2 e a un differenziale di +25 gol al momento del ritorno di Enrique a novembre.

Inoltre, il vicepresidente del Monaco Oleg Petrov ha notato nella conferenza stampa di lunedì, che il club ha un lungo record di allenatori giovani e di talento, con Gérard Banide, Arsène Wenger, Jean Tigana, Claude Puel e Didier Deschamps, tutti alla guida del club monegasco all’inizio della loro carriera.

 

Una tradizione di sviluppo dei giovani talenti

È importante sottolineare che Moreno vede nel Monaco l’opzione più adatta a lui. Nella conferenza stampa introduttiva, Moreno ha detto che essere la prima scelta del consiglio di amministrazione è un fattore importante. Ha inoltre sottolineato il suo apprezzamento per il lavoro con i giovani calciatori, che ben si sposa con la strategia del Monaco di acquistare e sviluppare giovani calciatori. Di conseguenza, secondo il Centro Internazionale di Studi Sportivi (CIES), il club di Dmitry Rybolovlev ha guadagnato dalle operazioni di trasferimento – 1,029 miliardi di euro – più di qualsiasi altro club dei cinque principali campionati europei tra il 2010 e il 2019. Il solo trasferimento di Kylian Mbappé al PSG nel 2018 ha portato ai monegaschi 135 milioni di euro, oltre il 10% del totale.

Moreno, che ha dichiarato di aver ricevuto diverse offerte di lavoro dopo aver lasciato la nazionale spagnola, vuole mettersi alla prova ai massimi livelli. Il Monaco gli offre un’ottima opportunità per farlo. Il club monegasco è uno dei club di maggior successo della Ligue 1 francese (uno dei primi cinque campionati d’Europa), con otto scudetti (l’ultimo nel 2016/17), cinque coppe nazionali, una Coppa di Lega e quattro Supercoppe francesi, e ha raggiunto le finali e le semifinali delle principali competizioni europee. Moreno sta rilevando il club sullo sfondo di una stagione altamente competitiva, con il Monaco attualmente al 7° posto (28 punti), a soli cinque punti dal 3° posto.

 

Nuove strutture in corso di realizzazione

Il club ha obiettivi ambiziosi in campo, con Moreno che dovrebbe portare il Monaco in Champions League, ma il Monaco sta contemporaneamente intraprendendo ambiziosi progetti di investimento al di là di esso. Un nuovo centro sportivo in costruzione a La Turbie dovrebbe essere pronto per la stagione 2020-2021, grazie a un investimento di 55 milioni di euro da parte dell’azionista e presidente del Monaco Dmitry Rybolovlev che si aggiunge ai 355 milioni di euro già investiti nel club.

AS Monaco training ahead of the game with Reims

Dmitry Rybolovlev sta seguendo con interesse un’altra struttura attualmente in costruzione: un complesso residenziale per giovani giocatori, che comprende una scuola e appartamenti, oltre a centri medici ed educativi. Il nuovo complesso, situato accanto allo stadio Louis II, è stato soprannominato “Diagonal”, come le maglie iconiche del Monaco. I lavori di costruzione del complesso sono iniziati nel 2018 e la struttura dovrebbe essere disponibile entro il prossimo autunno.

 

Far sentire Moreno come a casa

Oltre a queste strutture di alto livello, Moreno può anche aspettarsi un rapido processo di acclimatazione, dato che non è l’unico spagnolo in squadra. Da agosto, lo staff medico del Monaco è guidato da Lluis Til-Pérez, che ha lavorato al Barcelona dal 2003 al 2016. La recente revisione dello staff medico del Monaco è stata accreditata all’iniziativa personale di Dmitry Rybolovlev; il presidente del Monaco è cresciuto in una famiglia di medici ed è stato lui stesso un cardiologo praticante per qualche tempo.

Robert Moreno

Robert Moreno

Molti giocatori della squadra attuale conoscono anche il campionato spagnolo. L’estate scorsa, l’attaccante Wissam Ben Yedder è entrato nel Monaco dopo diversi anni al Sevilla, così come l’ala Gelson Martins (dell’Atlético de Madrid) e il centrocampista Guillermo Maripan (del Deportivo Alavés). Sotto l’occhio di Dmitry Rybolovlev, il periodo di trasferimento estivo si è rivelato molto efficiente per la gestione del club AS Monaco, con Transfermarkt che ha speso circa 140 milioni di euro per l’acquisto di nuovi giocatori.

La questione più controversa dell’appuntamento di Moreno è stata la tempistica. Alcuni hanno criticato la decisione di cambiare allenatore durante la pausa invernale, e la questione è stata sollevata durante la conferenza stampa. Il vicepresidente del Monaco Oleg Petrov ha risposto con un voto di fiducia a Moreno, dichiarando: “Ovviamente non è facile trovare l’allenatore e la squadra tecnica ideale, soprattutto a metà stagione, ma credo che ci siamo riusciti”.

Certo, questa decisione da parte dei dirigenti del club potrebbe non essere stata così improvvisa come sembra. Al di là dei risultati deludenti di inizio stagione e della necessità di un cambio di atmosfera all’interno del club, l’appuntamento di metà stagione offrirà a Moreno una finestra critica di opportunità per conoscere a fondo i suoi giocatori prima della prossima campagna trasferimenti estiva. Questo, a sua volta, gli darà un vantaggio nel gettare le basi per un successo a lungo termine. Il Monaco ha affidato allo spagnolo una missione ambiziosa e la partita di oggi sarà la sua prima prova.