Con le nuove disposizioni dell’ultimo dpcm, agli italiani che desiderano viaggiare all’estero, nel periodo che va dal 21 dicembre al 6 gennaio, sarà imposta una quarantena di due settimane al ritorno nel loro paese. Durante queste settimane sarà anche vietato lo spostamento tra regioni.

Sapevamo già che quest’anno il Natale avrebbe avuto un sapore diverso. Nonostante Babbo Natale e i suoi aiutanti si impegnino per diffondere la magia, gli italiani che solitamente fanno visita ai vicini oltre la frontiera rimarranno particolarmente delusi.

Per evitare qualsiasi genere di “fuga”, nell’ultimo decreto, valido dal 21 dicembre al 6 gennaio, il Governo italiano impone a chiunque si rechi all’estero, sia nei paesi dell’Unione europea che a Monaco, una quarantena obbligatoria al ritorno in patria. Una brutta notizia per il settore del turismo della Costa Azzurra, abituato ad accogliere i clienti italiani per le feste di fine anno.

Spostamenti limitati in Italia

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha inoltre vietato gli spostamenti tra regioni durante le due settimane di festività. In aggiunta, il 25 e il 26 dicembre e l’1 gennaio, non sarà neanche possibile lasciare il proprio comune di residenza. Per assicurarsi che queste misure vengano rispettate, il Governo ha schierato 70.000 poliziotti e carabinieri.

Se la Covid-19 sembra quindi essere una vera guastafeste, esistono anche dei lasciapassare per superare la frontiera. È possibile infatti recarsi all’estero per un periodo massimo di 120 ore in caso di questioni lavorative, di urgenza e di salute, oppure per un periodo di 36 ore in caso di commissioni da effettuare fuori dal paese.