Dalla fiction ai documentari, sono stati premiati i migliori attori e le migliori creazioni.

Le luci del Festival della Televisione di Monte-Carlo si sono spente. Martedì 21 giugno la cerimonia di chiusura al Grimaldi Froum ha visto la proclamazione dei vincitori premiati con le famose Ninfe d’oro.

https://youtu.be/zspAJhAPsN8?list=PLMclTYaVcIDFpbTqnHoBIoELEYpY1lWmc

In questa 61ª edizione sono state assegnate 13 Ninfe d’oro, di cui sette nella categoria Fiction.

La serie The Tourist ha fatto il pieno con tre Ninfe d’oro. La prima come “Miglior serie”, la seconda come “Miglior creazione” e la terza come “Premio del pubblico”, reintrodotto quest’anno nella competizione.

Il film tedesco Martha Liebermann ha ricevuto il titolo di “Miglior film” e l’attrice principale, Thekla Carola Weid, si è aggiudicata il premio di “Migliore attrice”. Sempre nella categoria Fiction, la serie Trom è stata ricompensata con il “Premio speciale della giuria” e l’attore Ulrich Thomssen ha ricevuto la Ninfa d’oro come “Migliore Attore”.

LEGGI ANCHE: Festival della Televisione di Monte-Carlo, un evento precursore e visionario

6 vincitori nella categoria Documentari e Attualità

Nella seconda categoria della competizione che premia le produzioni non fiction, il reportage Navalny – The Man Putin Couldn’t Kill ha ricevuto il premio di “Migliore reportage d’attualità”. Il premio di “Miglior documentario” è stato invece assegnato a Erasmus in Gaza. La giuria ha poi premiato il documentario franco-siriano Syrie, des femmes dans la guerre.

Il premio AMADE è stato assegnato al documentario I am Chance, un premio riconosciuto alle produzioni che mettono in luce le missioni dell’Associazione Mondiale degli Amici dell’Infanzia (AMADE), che opera per la protezione e la crescita dei bambini in tutto il mondo. Il premio della Croce Rossa Monegasca, invece, se l’è aggiudicato #Icarus. Infine, Les Éclaireurs de l’eau ha ricevuto il premio speciale Rainier III.

Una Ninfa speciale è stata inoltre consegnata dalla Principessa Charlène a Théo Christine come “Migliore promessa internazionale”, in occasione della cerimonia di apertura di venerdì scorso.

“La qualità e la creatività della programmazione presentata nell’ambito della competizione, sia per quanto riguarda le fiction che gli argomenti di attualità, sono state assolutamente eccellenti” ha affermato il Principe Alberto II nel corso della cerimonia.