Dal 1964, la Fondazione Principessa Grace fornisce ogni anno aiuti preziosi ad azioni umanitarie a beneficio dei bambini, sostenendo progetti culturali per gli studenti. In piena crisi sanitaria legata alla pandemia del Covid-19, la fondazione fondata da Grace Kelly, oggi presieduta dalla Principessa di Hannover (Carolina Luisa Margherita Grimaldi), non ha cessato le sue attività per questo. Tuttavia si è dovuta adattare. Delucidazioni.

Se i bambini non sono stati colpiti necessariamente dalla crisi, da quando siamo chiusi in casa, le Case-famiglia* sono costrette a chiudere le porte, spiega Caroline O’Conor, direttrice amministrativa della Fondazione Principessa Grace. I genitori sono quindi costretti a trovare altre soluzioni per lasciare i propri figli accanto agli ospedali. Essi ripiegano spesso su hotel, sfortunatamente molto più costosi”.

Un aiuto straordinario di 80.000 euro stanziato dalla Fondazione

Colpiti dalla crisi sanitaria mondiale legata alla pandemia del Covid-19 da molte settimane, la Fondazione Principessa Grace cerca di reinventarsi, per continuare ad aiutare i bambini ricoverati e le loro famiglie. “A Lione, tutti i servizi di rianimazione pediatrica sono stati requisiti per accogliere adulti in rianimazione, sottolinea Caroline O’Conor. I bambini che avevano bisogno di essere accuditi sono stati trasferiti all’ospedale Necker di Parigi, obbligando gli abitanti della provincia a rivolgersi alla capitale, con tutti i vincoli finanziari che ne conseguono, tra cui il trasporto e l’alloggio”.

Per far fronte a questi bisogni, la Fondazione ha deciso di stanziare con urgenza un aiuto straordinario di un totale di 80.000 euro, al fine di sopperire ai bisogni dei bambini e delle famiglie che ne hanno maggiormente bisogno.

Una crisi senza precedenti

Fondata nel 1964 dalla Principessa Grace di Monaco, la Fondazione si è indirizzata innanzitutto verso il piano culturale, fornendo aiuto agli artigiani, al fine che questi ultimi potessero vivere del loro lavoro. “Ma nel 1982, alla morte della Principessa, la presidenza è cambiata e la Principessa di Hannover ha voluto riorientare le missioni della Fondazione verso il lavoro umanitario” ricorda la direttrice amministrativa. Nel 1990, la Fondazione Principessa Grace diventa partner dell’ospedale Necker di Parigi, prima di diffondersi in tutto il paese. “Oggi il settore umanitario è la più grande spesa della Fondazione. Abbiamo delle collaborazioni con circa 62 ospedali in Francia”.

Il rinvio del Ballo della Rosa potrebbe avere delle conseguenze

Anche se la fondazione opera essenzialmente con fondi propri, essa beneficia di alcune donazioni, tra cui quelle relative al Ballo della Rosa**. “Sfortunatamente, quest’anno, il Ballo non avrà luogo. Vedremo se sarà rinviato nell’ultimo trimestre, ma è evidente che il Ballo ci fornisce risorse consistenti”. Se l’evento dovesse essere annullato, la FPG sarebbe costretta a limitarsi. “In circostanze normali, finanziamo la ricerca in pediatria supportando laboratori supplementari. Quest’anno saremo obbligati ad adattarci”.

*Poiché un ricovero di lunga durata è stressante, gli hotel sono troppo costosi e le strutture mediche non rappresentano soluzioni adatte per accompagnare i bambini ricoverati, le “Case Famiglia” offrono un ambiente caldo e conviviale per salvaguardare il benessere dei bambini. La Fondazione contribuisce finanziariamente alla costruzione, al rinnovo e alla mantenimento della “Casa Famiglia” in tutta la Francia.

** Il Ballo della Rosa è stato istituito dalla Principessa Grace di Monaco nel 1954. E’ organizzato ogni anno a marzo dal gruppo Monte-Carlo SBM nella prestigiosa Sala delle Stelle dello Sporting Monte-Carlo