L’8 giugno, in occasione della giornata mondiale dell’Oceano e nell’ambito del progetto “Monaco, capitale dello Yachting” lanciato dal Principe Alberto II, lo Yacht Club di Monaco (YCM) ha sostenuto diverse iniziative per la salvaguardia dell’ambiente marino.

1. Monaco Energy Boat Challenge: la nuova generazione di yachting

La Monaco Energy Boat Challenge è organizzata dallo YCM, con la collaborazione della Fondazione Principe Alberto II e dell’Unione internazionale motonautica. L’evento rappresenta un momento di incontro tra i professionisti del settore e la nuova generazione di ingegneri, dove poter pensare insieme il futuro dello yachting.

Quest’estate, dal 6 al 10 luglio, 32 team, 22 università e 16 nazionalità condivideranno le loro ultime innovazioni in materia di ottimizzazione energetica e propulsione.

2. SEA Index: l’indice di riferimento per valutare le emissioni di CO2

Lo YCM, in collaborazione con Credit Suisse, ha creato nel 2020 la Superyacht Eco Association, oltre a uno strumento chiamato “SEA Index”. Quest’ultimo consente di valutare in modo rapido l’impronta di carbonio di uno yacht di oltre 40 metri, in modo da ridurre in seguito le sue emissioni di CO2.

Il SEA Index è soprattutto utilizzato per selezionare i vincitori dei “La Belle Classe Explorer Awards”, consegnati dal Principe Alberto II in persona. Questi riconoscimenti premiano gli armatori che si sono distinti per il loro impegno nella salvaguardia dell’ambiente marino.

>> LEGGI ANCHE: Marcela de Kern Royer: la giovane guru del mondo dello yachting

3. Smart Yachting & Marina: porti turistici più sostenibili

Il 20 settembre, lo YCM ospiterà lo Smart Yachting & Marina, un appuntamento organizzato da Monaco Marina Management e sostenuto dalla Fondazione Principe Alberto II e da Extended Monaco, il programma di transizione digitale del Governo del Principe. La giornata ha l’obiettivo di mettere in contatto gli esperti del settore e i leader dello sviluppo dei porti turistici ecosostenibili, così da poter investire in innovazioni all’altezza delle nuove sfide economiche e ambientali.