Con la finale di Abu Dhabi della scorsa domenica, si è concluso il Gran Premio del 2020. Il pilota Ferrari termina in tredicesima posizione, Max Verstappen (Red Bull) conquista il primo posto, seguito da Valtteri Bottas (Mercedes) e Lewis Hamilton (Mercedes).

Siamo giunti alla fine e Charles Leclerc non sembra particolarmente dispiaciuto. Visibilmente provato da una stagione frustrante dal punto di vista delle prestazioni, il pilota monegasco confessa: “Mi è dispiaciuto finire in questo modo. È stata una stagione complicata e sono contento che sia finita”.

Una corsa difficile

In dodicesima posizione sulla griglia di partenza, Leclerc si era classificato nono durante le qualificazioni, ma è dovuto indietreggiare di tre posti a causa della penalità subita per aver toccato la monoposto di Sergio Perez (Racing Point) nell’ultima gara nel Bahrein. Il monegasco non ha avuto vita facile in questa corsa, segnata da un strategia singolare della scuderia Ferrari, che ha lasciato Leclerc in pista con le gomme medie durante l’intervento della Virtual safety car, invece di farlo rientrare ai box per passare agli pneumatici duri.

>> LEGGI ANCHE: Intervista a Jacky Ickx: “Ormai Charles Leclerc è parte del patrimonio italiano”

“Se devo essere sincero, è stata una strategia studiata”, confessa il pilota, visto che la maggior parte dei concorrenti ha optato per le gomme dure. “Abbiamo provato una cosa diversa perché sapevamo che se avessimo fatto in modo normale non avremmo potuto ottenere risultati. È stato un tentativo disperato e non ha funzionato, senza troppe sorprese”.

Travel Club Monaco

Pronto per il 2021

Tredicesimo all’arrivo, il pilota Ferrari non ha portato a casa neanche un punto e ha visto Alex Albon (Red Bull) e Carlos Sainz (McLaren) superarlo nel campionato del mondo piloti. Classificato all’ottavo posto finale per la stagione 2020, che non resterà di certo impressa nella sua memoria, Leclerc è già pronto per affrontare il 2021: “Apporteremo delle migliorie, prometto che conquisterò una posizione migliore”.



È questa la posizione della Ferrari nel campionato del mondo costruttori. Il risultato peggiore della scuderia italiana degli ultimi 40 anni.