L’applicazione, unica nel suo genere, nasce da un’iniziativa del Programma alimentare mondiale (PAM) delle Nazioni Unite, ovvero la più grande organizzazione umanitaria che lotta contro la fame nel mondo. Ogni anno, il PAM distribuisce aiuti alimentari a più di 86 milioni di persone in circa 83 paesi.

Condividere 800 milioni di pasti. È questo l’obiettivo dell’applicazione per i prossimi cinque anni. Il progetto, senza dubbio ambizioso, conta sull’aiuto di una comunità di donatori, determinati a eliminare la fame nel mondo. Le donazioni effettuate sull’applicazione ShareTheMeal sono destinate a diverse operazioni del PAM, di cui Monaco è una fedele alleata. Le iniziative vanno dal rafforzare la capacità di resilienza ai programmi per le mense scolastiche. Fin dal lancio nel 2015, ha offerto aiuti essenziali durante le più grandi crisi alimentari mondiali, soprattutto in Yemen, Siria e Nigeria.

Sempre più persone necessitano di assistenza alimentare. Per rispondere a questa domanda crescente, il Programma alimentare mondiale ha bisogno di risorse e finanziamenti.

ShareTheMeal

Come funziona l’app?

Disponibile per il download sull’App Store e sul Play Store di Android, ShareTheMeal consente di “condividere i pasti” con un bambino bisognoso. Con un semplice clic e una donazione di 0,70 €, potrete fornire i pasti per sfamare un bambino per una giornata intera. Sarà poi il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite a occuparsi della logistica. Vi tiene inoltre informati sull’avanzamento del progetto e sui luoghi di distribuzione.

Dove finiscono le donazioni?

  • Il 62% serve a fornire assistenza alimentare alle popolazioni bisognose.
  • Il 28% viene investito nelle raccolte di fondi e nel marketing.
  • Il 6% è dedicato alla gestione dell’organizzazione, l’affitto degli uffici, il pagamento degli stipendi degli impiegati.
  • Il 4% è destinato agli oneri di pagamento