Organico ridotto, pressione alle stelle e giornate di lavoro sempre più lunghe, il tutto sullo sfondo di una pandemia. I dipendenti del supermercato Carrefour di Monaco, che ogni anno vedono peggiorare le loro condizioni di lavoro, hanno deciso di prendere parte allo sciopero francese avvenuto il 3 aprile scorso.

Erano una sessantina, radunati al porto di Fontvieille, con le bandiere del Sindacato del commercio che svolazzano nell’aria, il pugno alzato e la speranza di ottenere un bonus straordinario di 1.000 euro, come ricompensa del loro duro lavoro e del comportamento esemplare verso i clienti monegaschi dall’inizio della crisi sanitaria. Sabato scorso, alcuni impiegati del Carrefour di Monaco, preoccupati per le loro condizioni di lavoro, hanno preso parte allo sciopero avvenuto in tutta la Francia. Un’insoddisfazione generale, ancora più esasperata dagli incassi record del gruppo Carrefour nel 2020, che ha assistito a un aumento del fatturato mondiale del 7,8%, ovvero oltre 78 miliardi di euro. Cifre mai viste negli ultimi 20 anni!

Abbiamo passato un anno molto difficile ed estenuante

La loro richiesta? Un bonus di 1.000 € come ricompensa

“Abbiamo passato un anno molto difficile ed estenuante”, confessa Alexandra, la delegata del sindacato di Carrefour Monaco che lavora per la catena da oltre quindici anni. “Speriamo che la direzione ci conceda finalmente questo bonus come ricompensa per il nostro impegno in questo periodo stressante e per il nostro contributo al fatturato da record”. All’inizio della crisi sanitaria, il gruppo aveva versato un bonus ai dipendenti, ma secondo Alexandra, l’obiettivo era solo quello d’invogliarli a continuare a lavorare in un clima di panico generale.

Come molti altri colleghi, Alexandra ha contratto il Covid-19 qualche mese fa e si è ritrovata due volte a contatto con un positivo. “Per tutto il mese di dicembre, il negozio è stato strapieno di gente”, ricorda la dipendente, “i clienti stavano uno accanto all’altro e in alcuni reparti non si poteva neanche passare, perché nonostante il numero massimo di persone consentite fosse rispettato, i clienti si concentravano negli stessi posti, come i reparti di prodotti freschi e di frutta e verdura. Invece, altri reparti restavano completamente vuoti, come quello delle stoviglie”. All’inizio del mese di gennaio, il negozio si è trasformato in un focolaio e diversi dipendenti si sono visti costretti a restare a casa. “Per ogni chiusura, ho perso tre giorni di congedo e il bonus mensile di presenza, ovvero l’equivalente di quattro giorni di stipendio”.

Facciamo quasi 30 chilometri al giorno

I dipendenti non reggono alla pressione crescente

Tendinite, mal di schiena e depressione. Il morale e la salute dei dipendenti sono messi sempre più a dura prova dalle condizioni di lavoro estreme, soprattutto dovute alla riduzione del personale negli ultimi anni. “Essere ogni giorno più veloce, facendo il doppio”, afferma Alexandra. “Ho creduto che sarei finito sulla sedia a rotelle”, racconta un altro impiegato del negozio che soffre di gravi problemi alle ginocchia, recentemente ricollocato alle casse da Carrefour dopo aver lavorato in un reparto a corto di personale. “Abbiamo calcolato i passi: facciamo quasi 30 km al giorno!”

Sabato scorso, lo stesso dipendente ha scioperato per la prima volta. “Non era mia abitudine, ma le nostre condizioni di lavoro mi hanno spinto a entrare nel sindacato qualche mese fa”, sottolinea. “Per loro, non siamo che dei numeri”, si rammarica, “la direzione ha anche eliminato il caffè gratuito della domenica!” Quando parliamo della pandemia da Covid-19, confida di essere ancora angosciato: “soffro di problemi cardiaci e mia moglie ha una forte asma. Ho paura di contagiarla”.

>> LEGGI ANCHE: Report sulle conseguenze della crisi sanitaria nel Principato