Aveva dedicato parte della sua vita ad aiutare il prossimo.

Sabato 9 luglio Lily Safra è deceduta a Ginevra all’età di 87 anni. È stata la fondazione Edmond J. Safra, di cui era presidentessa, ad annunciare la triste notizia. In un comunicato, la fondazione ha sottolineato che Lily Safra se ne è andata “circondata dalla sua famiglia e dai suoi figli”. La fondazione ci ha anche tenuto a ricordare il suo grande impegno:

“Per oltre vent’anni, la Signora Safra ha fedelmente sostenuto l’eredità filantropica del suo amato marito, Edmond, supportando centinaia di organizzazioni in tutto il mondo”.

Lily Safra è nata in Brasile da genitori ebrei immigrati. Si è sposata nel 1976 con un ricco banchiere libanese, Edmond Safra. La coppia ha a lungo soggiornato a Monaco, dove il Sig. Safra ha tragicamente perso la vita in un incendio doloso.

Lily Safra aveva quindi deciso di proseguire l’opera del defunto marito sostenendo progetti educativi, religiosi, medici, scientifici, culturali e umanitari. Ha, per esempio, fatto una donazione di un milione di euro alla Fondazione Auschwitz-Birkenau, oltre che una di 10 milioni di euro alla Fondazione del patrimonio francese dopo l’incendio della Cattedrale di Notre-Dame de Paris.