Privati degli allenamenti da quasi un mese, i ragazzi di Robert Moreno non hanno altra scelta se non quella di tenersi in forma a casa, con le sessioni personalizzate fornite dal preparatore atletico del Monaco Juanjo Del Ojo. Cesc Fabregas, Tiémoué Bakayoko, Keita Baldé e Kamil Glik sono alcuni dei calciatori monegaschi che hanno espresso il loro punto di vista sull’isolamento e sulla vita quotidiana.

Un video, lungo una manciata di secondi, è stato mostrato sui social network. Il quarto giorno d’isolamento, Cesc Fabregas si è sporto dalla cima della terrazza del suo appartamento e ha gridato per salutare i suoi vicini, i quali non hanno mancato d’invitarlo gentilmente a farsi vedere.

Il centrocampista spagnolo non si è però affatto offeso e si è confidato a Marca qualche giorno dopo. “Uso questo tempo per fare cose che non ho mai potuto fare durante mia carriera. Faccio colazione con i miei figli, pranzo e ceno con loro, li metto a letto… È un privilegio di cui dobbiamo approfittare, anche se nessuno può resistere così per sempre”, ha dichiarato.

Tiémoué Bakayoko: “Sono preoccupato, chi non lo è, è uno sciocco…”

Da parte sua, Tiémoué Bakayoko ha raccontato la sua vita quotidiana nelle pagine di Nice-Matin. “Corro un po’, mi alleno con il pallone per non perdere la sensibilità, e faccio anche un po’ di allenamento con i pesi, ma non è facile… È molto strano passare da una vita in gruppo, nello spogliatoio, a niente. Non so se riusciremo a far ripartire la stagione, soprattutto perché non saremo fisicamente in forma dopo una sosta così brutale”, ha detto il giocatore francese, circondato dalla sua famiglia in questi tempi difficili. Siamo in sette a casa, di tutte le età, quindi dobbiamo organizzarci. É il momento di trascorrere un po’ di tempo con le nostre famiglie, con i nostri cari. Avrei voluto che mia madre lasciasse Parigi e mi raggiungesse qui perché ho paura per gli anziani, ma lei non è voluta venire… Bisogna avere pazienza perché nessuno ha il controllo su tutto questo. Sono preoccupato, chi non lo è, è uno sciocco…”

Keïta Baldé: “Il calcio è innato… non perdiamo mai il senso del pallone”

Keïta Baldé, ospite di Monaco Info, ha espresso la sua felicità di essere circondato dalla sua famiglia. “L’isolamento sta andando piuttosto bene. Io e la mia famiglia cerchiamo di essere positivi sotto ogni punto di vista. Sono molto felice di stare con mia moglie e mio figlio in questo momento difficile. “E per tenere il passo, anche lontano da La Turbie, il giocatore senegalese si sta allenando con i mezzi a disposizione. L’allenatore e tutto lo staff sono in contatto costante con tutti i calciatori. Ci mandano programmi specialistici ogni settimana, ma anche programmi nutrizionali”, ha detto l’ex attaccante della Lazio, che comincia a desiderare l’opportunità di stare lontano dal campo. Ci mancano sicuramente il calcio, le partite e gli allenamenti. Ma il calcio è innato… non perdiamo mai il senso del pallone.”Per rimanere in forma, Kamil Glik trascorre le sue giornate “con la famiglia, con l’allenamento individuale a casa” grazie ai programmi forniti dal club, come ha rivelato nelle rubriche della Gazzetta dello Sport. “Ognuno di noi ha un GPS con il quale i preparatori atletici controllano quello che facciamo. Cerchiamo di fare del nostro meglio…”. In attesa di un rapido ritorno al campo di allenamento?

Come se la sta cavando il club?

Ancora in uno stato d’incertezza, il Monaco, come tutti gli altri club della Ligue 1, è in attesa di una data definitiva per la ripresa del campionato. Allo stato attuale, i calciatori del club sono tutti disoccupati. In diversi club europei (Italia, Germania, Spagna, Inghilterra), i calciatori hanno rinunciato a parte del loro stipendio, rendendosi conto che i club non hanno nulla da guadagnare durante la quarantena. In Francia, il gruppo di lavoro della Lega Calcio Professionista (LFP) sul “dialogo sociale” ha convalidato martedì 7 aprile un compromesso per una temporanea riduzione del reddito dei calciatori. Riceveranno l’intero importo non riscosso durante la quarantena a fine stagione.

Finanze colpite dalla crisi economica

Il Monaco potrebbe risentire della crisi del calciomercato dato che  il modello di business si basa sulla compra vendita di giocatori ,sulla vendita di biglietti e sul merchandising. Infatti, i prezzi che negli ultimi anni hanno visto un’impennata, ora potrebbero subire un ribasso. Il club di Dmitry Rybolovlev dovrà anche fare i conti con l’incertezza che circonda i suoi numerosi calciatori in prestito (quasi 20), mentre la squadra attuale è già sovraccarica. Le finanze del club hanno già risentito della crisi economica che sta colpendo tutto il calcio francese, in particolare con il congelamento dei pagamenti dei diritti televisivi (Canal + e BeIN Sports si rifiutano attualmente di pagare il pagamento finale dei diritti LFP) nel periodo in corso.

I calciatori mostreranno la loro solidarietà?

In Francia, i calciatori non si sono ancora dimostrati aperti all’idea di ridurre gli stipendi per evitare che i club subiscano enormi perdite economiche. Finora i calciatori del Monaco non hanno mostrato lo stesso tipo d’iniziativa dei loro colleghi, in particolare il Barcelona, dove Lionel Messi e i suoi compagni di squadra hanno raggiunto un accordo sulla riduzione degli stipendi. Fino a oggi, hanno ricevuto buona parte dei loro alti stipendi nonostante la sospensione della stagione. Pur godendosi la vita in uno dei paesi più pacifici e sicuri del mondo, i giocatori del Monaco non pagano le tasse nel Principato. Gli uomini di Robert Moreno sono quindi tra i più adatti a dare l’esempio con un gesto di solidarietà che alleggerisca la tesoreria del club e dimostri la loro gratitudine al Principato.