Il Principe Alberto II ci ha tenuto a mettere a tacere le insinuazioni: no, la Principessa Charlène non è in esilio in Sudafrica.

Irritato dai pettegolezzi, il Principe Alberto II ha voluto mettere le cose in chiaro in un’intervista rilasciata al magazine People. Il lungo soggiorno in Sudafrica della Principessa, infatti, aveva fatto nascere alcune voci su un possibile esilio nel suo paese natale dopo una lite con il marito. Un’affermazione assolutamente falsa che il Principe Alberto II ha smentito. “Era andata in Sudafrica per valutare ancora una volta il lavoro della sua Fondazione e passare del tempo con suo fratello e qualche amico. Doveva essere un soggiorno di una settimana, massimo 10 giorni. [È rimasta in Sudafrica] perché ha contratto questa infezione”.

“Una cattiva interpretazione degli eventi”

La Principessa Charlène ha contratto una grave infezione otorinolaringoiatrica che ha richiesto una serie di interventi chirurgici sul posto. Per fortuna, la Principessa si sta rimettendo e spera di ritornare a Monaco entro settembre. In seguito alle voci sull’esilio volontario di sua moglie, il Principe Alberto II si è lamentato: “Una cattiva interpretazione degli eventi è sempre dannosa… Siamo un bersaglio facile, facilmente attaccabile, perché siamo spesso sotto i riflettori”.