Stilista e pittrice monegasca di origine danese, Elizabeth Wessel ha appena partecipato al Luxembourg Art Prize 2021.

Un grande orgoglio. È questo quello che ha provato Elizabeth Wessel il 1° dicembre, quando ha ricevuto il suo certificato di merito al concorso d’arte organizzato dalla Pinacoteca del Granducato di Lussemburgo.

Un concorso che ogni anno riunisce diverse centinaia di artisti internazionali e al quale Elizabeth Wessel è stata invitata. “Era la prima volta che partecipavo. È stato molto bello, anche se non ho vinto. Sono felice di questo riconoscimento e parteciperò di nuovo l’anno prossimo”, afferma l’artista.

Per l’occasione, Elizabeth Wessel ha presentato cinque opere. Cinque dipinti di diversi periodi, tra cui No Limits, che è stato selezionato per partecipare alla Biennale Internazionale d’Arte di Pechino a gennaio.

Elizabeth Wessel
“No limits” – DR

Viaggiavamo molto con i miei genitori. (…) Ho passato la mia vita a disegnare.

Appassionata d’arte fin da piccola

Per Elizabeth Wessel, questa vena artistica ha iniziato a svilupparsi già dall’infanzia: “Viaggiavamo molto con i miei genitori. Alloggiavamo spesso in hotel e dato che all’epoca non c’erano videogiochi per passare il tempo, mi davano carta e matite colorate, così ho passato la mia vita a disegnare.”

Una passione che si è portata dietro anche a scuola e che non l’ha più lasciata fino ai sedici anni. Appena diplomata, Elizabeth Wessel voleva diventare una stilista di moda e si iscrive all’École de la Chambre Syndicale de la Couture Parisienne, oggi diventata il nuovo Istituto francese di moda. Tre anni e una laurea dopo, la giovane danese fatica a trovare un posto, nonostante i suoi eccellenti risultati.

Elizabeth Wessel
Ecole de la chambre syndicale de la couture parisienne – DR

“Gli studenti francesi avevano la priorità nelle case di moda. Ho girato in lungo e in largo con i miei dossier e alla fine sono stata presa da Lapidus, poi da Torrente, e infine ho creato il mio marchio e ho aperto la mia boutique a Parigi”, ricorda l’artista. Qualche anno dopo, lascia la capitale per aprire una sede a Monaco e proporre le sue collezioni al mondo intero.

Un riconoscimento internazionale

A poco a poco, il talento di Elizabeth Wessel comincia a farsi conoscere, soprattutto in Giappone, dove riscontra particolare successo e crea la sua licenza giapponese. “Andavo a Tokyo cinque volte l’anno, era fantastico! Quando c’è stata la recessione, ho concluso il mio contratto e sono tornata a fare haute couture per una clientela mondana a Monaco.”

A poco a poco, il talento di Elizabeth Wessel comincia a farsi conoscere, soprattutto in Giappone, dove riscontra particolare successo e crea la sua licenza giapponese. “Andavo a Tokyo cinque volte l’anno, era fantastico! Quando c’è stata la recessione, ho concluso il mio contratto e sono tornata a fare haute couture per una clientela mondana a Monaco.”

Elizabeth Wessel
“Une âme d’enfant” – DR

Nonostante le sue opere siano esposte in tutto il mondo, è a Monaco che l’artista ha scelto di restare: “Mi piace il lato cosmopolita di Monaco e la vita è molto piacevole. Per il mio lavoro di stilista, Parigi sarebbe più semplice, è vero. Ma per la pittura, vivere a Monaco non è per niente un problema. È un mondo diverso da quello della moda, tutto incentrato nella capitale.”

LEGGI ANCHE: Zhang Zhang: “La musica può mettersi al servizio di qualsiasi causa”