Il suo yacht è già stato venduto all’asta dallo Stato italiano.

Dodici anni e sei processi. Il 26 gennaio, Flavio Briatore è stato definitivamente assolto da un processo per frode fiscale. Ormai scagionato, il residente monegasco ed ex proprietario della scuderia Renault di Formula 1 ha ottenuto l’annullamento della confisca del suo yacht di 63 metri: il Force Blue.

C’è un problema però, lo yacht in questione, di un valore stimato di 20 milioni di euro, era stato confiscato dalla polizia italiana nel 2010 e rivenduto all’asta per un terzo del valore a Bernie Ecclestone, amico di Briatore ed ex proprietario del gruppo Formula One. Ora si pone un bel problema, come recuperare il valore dello yacht. “Ora l’armatore e Briatore hanno diritto a un adeguato ristoro”, ha dichiarato Massimo Pellicciotta, avvocato di Briatore, all’ANSA.

La polizia aveva confiscato lo yacht dodici anni fa al largo delle coste italiane. Al centro della questione c’era la problematica sulla proprietà del Force Blue, perché sembrava che una società delle Isole Vergini britanniche l’avesse noleggiato a Briatore, che è stato quindi accusato di un’evasione di 3,6 milioni di euro sull’IVA e di oltre 800.000 euro di tasse sul carburante tra il 2006 e il 2010.

I giudici della Corte d’Appello di Genova hanno inoltre annullato la condanna dell’imprenditore a 18 mesi di reclusione pronunciata nel 2018.

LEGGI ANCHE: Bernie Ecclestone: la Scuderia Ferrari avrebbe bisogno di Flavio Briatore