Notizia

Nuova partnership tra il CREM e la banca CMB

crem-cmb-monaco
Club des Résidents Etrangers de Monaco - Francesco Grosoli, amministratore delegato della CMB Monaco, e Chris Dhondt, direttore del CREM

La prima edizione del nuovo programma della banca “Welcome to Monaco” si svolger√† all’interno del CREM.

Il CREM (Club des R√©sidents √Čtrangers de Monaco, club dei residenti stranieri di Monaco) pu√≤ contare ora su un nuovo membro nel suo “Club dei partner”. Un club che “riunisce attori che condividono valori comuni di tradizione, qualit√†, eleganza e di un certo stile di vita” e che mirano ad “accompagnare e sostenere il CREM nelle attivit√† quotidiane e offrire alle imprese partner l’occasione di farsi conoscere da tutti i membri dell’associazione e di stringere contatti personalizzati con loro”.

Sembra quindi naturale che la banca CBM Monaco sia diventata il nuovo partner bancario ufficiale del CREM. Questo istituto bancario privato internazionale fondato nel 1976, e “dall’ineguagliabile stabilit√† finanziaria”, offre un approccio da “banca boutique” con servizi su misura e comprende tre grandi divisioni: la banca privata, la gestione degli investimenti e il loro finanziamento.

La CBM ha inoltre lanciato un programma, “Welcome to Monaco”, che consente ai suoi clienti stabiliti nel Principato, e che hanno da poco aperto un conto, d’incontrarsi in un contesto informale. Non √® quindi un caso che la prima edizione di questo programma si svolga proprio all’interno del CREM, visto che la missione principale del club √® quella di aiutare i residenti del Principato a incontrarsi.

LEGGI ANCHE: Chris Dhondt: ‚ÄúLa missione del Crem √® connettere le persone nel Principato‚ÄĚ

Francesco Grosoli, CEO della CMB Monaco, √® gi√† entusiasta di questa collaborazione: “il partenariato tra CREM e CMB Monaco √® la prova della volont√† del nostro istituto e del nostro personale di aiutare i residenti stranieri a stabilirsi nel Principato nelle migliori condizioni possibili e di poter partecipare alla vita sociale ed economica di Monaco”.