Giovedì 8 settembre 2022 l’AS Monaco ha inaugurato ufficialmente il suo centro di formazione: una struttura nuovissima che rappresenta il fulcro del club, che pone la formazione al centro della sua strategia.

Vento, sole e grandi sorrisi sono stati la cornice dell’inaugurazione della Diagonale. Prima di scoprire l’imponente edificio biancorosso, una casa vera e propria per le giovani promesse dell’AS Monaco, il Principe Alberto II ha tagliato il nastro inaugurale con un paio di forbici fornitegli da Mamadou Coulibaly, ospite del centro di formazione che è recentemente passato al livello di professionista all’interno del suo club nonché uno dei Giovani Campioni della Pace di Peace & Sport.

Grazie da parte di tutti gli abitanti di Cap-d’Ail e i tifosi dell’AS Monaco per la gioia che ci avete dato riportando il club in vetta alle classifiche del calcio francese

Xavier Beck, sindaco di Cap d’Ail

Si tratta di un gesto forte per il club, che mette le giovani promesse al centro del suo progetto. “Questo nuovo strumento di lavoro all’avanguardia consentirà all’AS Monaco di elevare ulteriormente i suoi standard e di rafforzare il legame già esistente tra l’Academy e i professionisti”, ha dichiarato il direttore generale del club Jean-Emmanuel de Witt. “Abbiamo fiducia nei giovani e crediamo in loro. Ne sono la testimonianza Maghnes Akliouche, Benoît Badiashile, Eliot Matazo, Soungoutou Magassa, Felix Lemarechal e Yllan Okou, che oggi fanno parte dei professionisti”.

© AS Monaco

Ammodernare le infrastrutture del club

Dopo l’inaugurazione nella stagione 2019-2020 delle Loges des Légendes (gli spalti d’onore) dello stadio Louis II, spazio modernissimo finanziato dal Governo dotato di box che possono accogliere il pubblico VIP e l’inaugurazione a inizio mese del Centro di allenamento di La Turbie che dispone di tutti i servizi della prima squadra, l’AS Monaco ha finalmente presentato il suo ultimo progetto, La Diagonale. Si tratta della terza e ultima parte degli investimenti previsti dal club e dal Governo del Principe.

Il sindaco di Cap-d’Ail Xavier Beck ha colto l’occasione per ringraziare il presidente Rybolovlev: “Grazie da parte di tutti gli abitanti di Cap-d’Ail e i tifosi dell’AS Monaco per la gioia che ci avete dato riportando il club in vetta alle classifiche del calcio francese”. Jean-Emmanuel de Witt ha poi ringraziato “Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II per il suo costante sostegno e il Governo del Principe che ha sostenuto e finanziato il progetto”.

Il nuovo centro è già operativo da quasi due anni, ma è stato possibile svolgere l’inaugurazione solo negli ultimi giorni dopo vari rinvii dovuti alla crisi sanitaria da Covid-19. L’AS Monaco ha aperto le porte della Diagonale per una visita completa del centro alla presenza di Ekaterina Rybolovleva (membro del Consiglio di amministrazione dell’AS Monaco), Juan Sartori (vicepresidente dell’AS Monaco), Pierre Dartout (Ministro di Stato) e Jean Castellini (Ministro delle Finanze e dell’Economia del Governo del Principe).

Una volta varcata la soglia del centro, ci si immerge immediatamente nel mondo dell’AS Monaco. Kylian Mbappé, Valère Germain, Abdou Diallo e gran parte dei giocatori allenati dall’ASM incoraggiano i giovani del club in un videomessaggio trasmesso su un maxischermo. Al piano terra si trovano l’area relax, le aule e gli uffici.

L’edificio di sei piani raccoglie nello stesso luogo tutti i giovani talenti dell’Academy, un tempo ospitati all’interno dello stadio Louis II. Il centro comprende diverse aree distribuite su più piani: gli alloggi, la mensa e le aree adibite ai trattamenti e alla preparazione fisica. Nel blocco A sono presenti 23 camere singole e 12 doppie, mentre nel blocco B sono disponibili 22 monolocali indipendenti per i giocatori più grandi.

L’istruzione al centro del progetto formativo

Nella stagione 2022-2023 La Diagonale accoglierà 69 giocatori appartenenti al gruppo Elite, agli U19 e agli U17, supervisionati da 60 membri dello staff tecnico (allenatori e personale, dipartimento medico/prestazioni, ingaggio, vita quotidiana, istruzione).

Il portiere diciottenne Alain Zadi, nel club da quattro stagioni, ha assistito in prima fila all’evoluzione della struttura. “Il nuovo centro è molto più moderno e i locali sono luminosi”, ha spiegato durante l’inaugurazione. “Abbiamo a disposizione un ottimo strumento di lavoro, che ci permette di crescere sia come sportivi che come studenti”.

È proprio grazie alla sua offerta didattica che La Diagonale figura tra i migliori centri di formazione francesi. Con un tasso di successo del 100% alla maturità ottenuto anche quest’estate, l’Academy si contraddistingue per il livello di istruzione offerto ai giovani calciatori. Questo marchio di eccellenza dimostra come il centro di formazione biancorosso sia uno dei più efficienti in Francia.

“Penso che il nostro sia uno dei migliori centri di formazione del campionato francese”, ha dichiarato il direttore dello sviluppo dei giovani giocatori Pascal De Maesschalck. “Basti pensare alle potenzialità dell’edificio e delle infrastrutture. È anche molto importante il modo in cui riusciamo a offrire ai nostri giocatori una preparazione sia fisica che scolastica!”.

L’AS Monaco è tra i primi club del campionato francese ad aver costruito un centro di formazione alla fine degli anni ’70 con il presidente Jean-Louis Campora. Ha inoltre allenato ben cinque campioni del mondo: Thierry Henry, Emmanuel Petit, David Trezeguet, Lilian Thuram e Kylian Mbappé. Grazie al nuovo centro di formazione l’elenco potrebbe allungarsi.

Photos ©AS Monaco