Pubblicità »
Profilo

Samuel Trèves: una famiglia di successo messa alla prova da un processo senza precedenti

sass-cafe
Samy et Sassa Treves- © via Instagram / samysass

Al termine di un clamoroso processo nel Principato, Samuel Trèves è stato assolto in primo grado dalle accuse mosse contro di lui e il suo leggendario locale, il Sass’ Café.

Ripercorriamo la vita e la carriera di un imprenditore che ha fatto della sua famiglia la pietra angolare del suo inarrivabile successo, a Monaco e oltre le frontiere del Principato.

Pubblicità

Un sollievo. Come la fine di un brutto sogno o di un brutto scherzo durato troppo a lungo. Persino “un’immensa soddisfazione”, come si è permesso di affermare il suo avvocato, Antoine Vey, visto che l’interessato è troppo riservato per ammetterlo.

Dopo un processo durato tre giorni, il 15 maggio Samuel Trèves è stato assolto dal caso di sfruttamento della prostituzione che coinvolgeva il locale monegasco di cui è gestore. E non un locale qualsiasi: il Sass’ Café, un pilastro della vita notturna del Principato da ormai 30 anni.

“Un fascicolo voluminoso ma inconsistente”

Il processo all’imprenditore e ai suoi dipendenti, che si è svolto dal 3 al 5 maggio davanti al Tribunale penale di Monaco, è stato il processo a un certo concetto monegasco di prostituzione. Otto imputati sono saliti sul banco: Samuel Trèves, gestore e rappresentante legale del Sass’ Café, il direttore del locale, due dei suoi addetti alla sicurezza e una receptionist, oltre a tre persone che non facevano parte del personale del ristorante. Anche la SARL Sass’ Café è stata perseguita in quanto persona giuridica.

Pubblicità »

Tutti erano sospettati, in varia misura, di aver preso parte a quella che l’accusa ha cercato di far riconoscere come una “politica istituzionalizzata” riservata alle clienti prostitute. Sono inoltre stati accusati di favoreggiamento.

Il caso è scoppiato nel 2020. Mentre la polizia francese e quella monegasca stavano conducendo un’indagine congiunta su un sospetto traffico di droga, due lavoratrici del sesso hanno indirizzato gli investigatori verso un possibile giro di prostituzione in atto in Francia e a Monaco.

Diversi locali monegaschi entrano così nel mirino della polizia. Il Sass’ Café è uno di questi, e non a caso: la prostituzione infatti non è illegale nel Principato, a differenza della sua istigazione e del suo sfruttamento. Le prostitute frequentano il locale e la polizia scopre che alcuni tavoli sembrano essere riservati a loro.

sass-café-monaco
Il Sass’ Café è molto frequentato dalle celebrità – © Sass Café Monaco

Apprende inoltre che qualche dipendente offre alcuni servizi alle lavoratrici del sesso dietro pagamento. Secondo gli investigatori, questo compenso finanziario potrebbe configurarsi come una forma di sfruttamento.

Pubblicità »

Questi sospetti sono bastati in tribunale? In fin dei conti, no. Sebbene le prostitute pagassero effettivamente delle mance ad alcuni dipendenti del Sass, “non è stato stabilito (che i suoi manager) fossero coinvolti e avessero avviato il reclutamento di prostitute”, ha ammesso il sostituto procuratore Valérie Sagné.

“Non è stato nemmeno dimostrato che l’equilibrio finanziario del Sass’ Café dipendesse interamente dall’attività di prostituzione che si svolgeva al suo interno”, ha riconosciuto anche la rappresentante del pubblico ministero durante l’udienza, escludendo la possibilità di chiedere la chiusura amministrativa del locale.

Gli avvocati di alcuni dipendenti del Sass non chiedevano tanto, e non hanno avuto problemi a denunciare “un fascicolo voluminoso ma inconsistente”, pieno di mere “voci e dicerie”.

Il processo a una “realtà monegasca”

E se, alla fine dei tre giorni, questo processo non riguardasse tanto il Sass’Café, i suoi gestori e i suoi dipendenti, quanto una certa “realtà monegasca”? Come ha ricordato uno degli imputati alla sbarra, “la prostituzione è permessa a Monaco, quindi perché rifiutarle (nel locale)? Sono clienti come tutti gli altri”.

Mentre la maggior parte delle prostitute a Monaco è regolarmente registrata presso la polizia locale, Samuel Trèves ha sostenuto davanti al tribunale che i proprietari di pub e locali notturni hanno la necessità di regolamentare “una realtà monegasca”, che altrimenti si sposterebbe sulla strada pubblica.

Una linea difensiva adottata con successo dall’avvocato del quarantenne, secondo il quale “l’udienza ha rivelato che non c’è stata alcuna disfunzione” nella gestione del locale da parte di Samuel Trèves.

Pubblicità »

“Sin dall’inizio”, ha dichiarato soddisfatto Antoine Vey annunciando l’assoluzione del proprietario del Sass, “le prove del caso hanno dimostrato l’innocenza del (mio) cliente”. “Questo è il processo dell’ipocrisia e dell’amalgama”, si è infervorato l’avvocato di un altro imputato, è un caso di fantasia”, ha sbottato un terzo.

Tuttavia, queste fantasie non sono state prive di conseguenze per la vita personale degli imputati. Come ha sottolineato Vey, “questo procedimento ha avuto un impatto dannoso sulla reputazione” di Samuel Trèves.

Alla sbarra, quest’ultimo, che si è sentito “tradito”, non ha esitato a dire ai magistrati che si trovavano davanti a “una persona per bene, un direttore d’azienda che lavora sodo”. “Il mio nome è stato infangato”, ha concluso Trèves, il cui cognome è legato ad alcune delle più belle pagine della storia recente di Monaco.

Da “ristorante per amici” a istituzione delle notti monegasche

Samuel Trèves, infatti, non è una persona qualunque a Monaco. “Samy”, per i più intimi – e non sono pochi, come vedremo – è un vero e proprio punto di riferimento della Rocca.

Un faro nella notte monegasca. Una luce che da vent’anni illumina con il suo sorriso le serate più sfrenate. E anche nel bel mezzo della festa più selvaggia, il suo sguardo è sempre rivolto allo stesso tavolo del Sass’ Café, ogni giorno: quello dove siede suo padre, Salvador Trèves.

L’uomo è un’altra leggenda monegasca. Sass’ è il suo soprannome, ereditato dalla sua maestra di Beausoleil. Nato a Barcellona nel 1937, Salvador è fuggito con i genitori dalla Spagna di Franco per trasferirsi a Marsiglia, prima di diventare prestigiatore sulle navi da crociera e di aprire, nel 1971, il suo primo locale notturno a Monaco, il Tiffany’s.

Pubblicità »

Già frequentato dai gotha dell’epoca – Sacha Distel, Dalida, Jacques Brel, Claude François – il Tiffany’s fu un successo. Qualche anno dopo, dal matrimonio di Salvador con Yolande, che gestiva diverse boutique di prêt-à-porter nel Principato, nacque Samy. Nel 1993, Salvador Trèves punta su un ristorante che era in difficoltà, L’Horloge, e che trasforma da cima a fondo.

Il concept del Sass’? Un ristorante con poche decine di coperti, un pianista come sottofondo musicale e un’attenzione particolare alle ore notturne. All’inizio volevamo creare un ristorante per amici”, ricorda Yolande, “poi il concept si è evoluto nel tempo”.

A partire dalla fine degli anni ’90, con l’aiuto di un DJ resident, le serate cominciano ad allungarsi fino alle 4 o alle 5 del mattino. La formula prende piede. I clienti abituali tornano, anche le star. È nata una leggenda.

Ma i coniugi Trèves non sono dei novellini, come ammettono anche loro. “Il trucco”, ammette Yolande, “è che non siamo invecchiati con i nostri clienti. Per farlo, abbiamo dovuto accettare l’arrivo di nuove generazioni. Nostro figlio Samy si è fatto carico di gestire questa nuova generazione”.

A soli 19 anni, il giovane Samuel inizia a imparare il mestiere sulle orme dei suoi genitori. “Mio padre mi ha fatto entrare nel mondo del lavoro molto presto”, ricorda Samy. Salvador “mi ha insegnato quello che si insegna a un bambino, cioè il rispetto. Rispetto per le persone che lavorano per noi e con noi. Mi ha anche insegnato il significato di ospitalità”.

Il sangue festaiolo scorre in famiglia e, nel 2004-2005, Samy visita la capitale europea del clubbing, Londra. Torna così a Monaco pieno di nuove idee, pronto per succedere al padre alla guida del Sass’ Café.

Pubblicità »

“Siamo come un albero”

Sotto la guida di Samuel Trèves, il piano bar continua a rafforzare la sua leggenda. Le celebrità di passaggio riempiono la “hall of fame” del Sass’ Café: Alicia Keys, Isabelle Adjani, Zinédine Zidane, Michael Jordan, Leonardo DiCaprio, Jennifer Lopez, Kevin Costner, Jean-Claude Van Damme, Mike Tyson, Hugh Grant, Gad Elmaleh, Matt Damon, Enrico Macias, Will Smith, Jay Z, Beyoncé, Bono e gli U2, Eva Longoria, Raymond Domenech, Robert Wagner, Cristiano Ronaldo, Lady Gaga, Sharon Stone, Kylian Mbappé, Bradley Cooper, Matthew McConaughey, senza dimenticare il Principe Alberto. Tutti sono passati al Sass’ Café e spesso ci sono anche tornati.

SAS-Prince-Albert-II-Sassa-Samy
Samy e Sassa Treves, rispettivamente proprietario e fondatore del Sass’ Café, con il Principe Alberto II – © Sass’ Café

Samy ha posato con ognuno di loro, oltre che ballato tutta la notte o cantato una canzone al pianoforte. Il segreto per attirare tutte queste star? Un’eccellente capacità relazionale, naturalmente, e le qualità umane essenziali che Samy e il padre festaiolo condividono in egual misura.

Ma non solo. Abbiamo sempre rispettato le celebrità che vengono da noi”, ha raccontato recentemente Samuel Trèves, in occasione del 30° anniversario del locale: “Non abbiamo mai chiamato la stampa. Così le celebrità sentono di potersi fidare di noi”.

“Dico sempre che il Sass’ Café è un club di soci senza essere soci”, spiega l’uomo che vede l’azienda di famiglia “come un albero. Siamo in grado di crescere perché abbiamo radici solide, grazie a mio padre. Quando sono salito a bordo del treno dell’azienda di famiglia, il mio compito principale è stato quello di mettere carbone nel fuoco e far continuare a muovere il treno. Certo, dobbiamo mantenere lo slancio”.

E a Samuel Trèves non mancano le idee per far continuare a procedere la locomotiva del Sass… a tutto vapore!

Una carriera consacrata dalle massime autorità monegasche

Samy ha imparato molto dalle sue frequentazioni: dall’amico d’infanzia Riccardo Giraudi, con il quale ha lanciato il ristorante Le Bouchon (oggi La Cantinetta); dal campione di Formula 1 Flavio Briatore, con il quale ha collaborato al ristorante Cipriani; e dalla Société des Bains de Mer (SBM), con la quale ha contribuito a risollevare le sorti del ristorante Jimmy’z.

Pubblicità »

Così, dopo un’avventura fallita a Dubai – “un’avventura incredibile, ma eravamo nel posto sbagliato, nel momento sbagliato”, racconta Samy – è in Arabia Saudita che lo scorso dicembre il beniamino di Monaco ha deciso di aprire un ristorante pop-up, nel cuore del deserto di AlUla.

“Oggi siamo pronti e nel giro di pochi mesi dovremmo annunciare una serie di aperture in franchising all’estero”, aveva annunciato all’epoca il giovane imprenditore. Entro la fine dell’anno è prevista infatti l’apertura di un nuovo Sass’ Café nel prestigioso Corinthia Bucharest, uno degli hotel più lussuosi della capitale rumena.

Ma è a Monaco, dove è nato, che Samuel Trèves torna sempre. È a Monaco che ha lanciato il “suo” ristorante, ispirato ai suoi continui viaggi ai confini del mondo: The Niwaki, un nuovo locale giapponese che combina con successo cucina orientale e mediterranea.

In un ambiente chic e accogliente, progettato dall’architetto Rashid Rivani, i clienti del Niwaki possono gustare sashimi, tempura e maki preparati con gli ingredienti più rari e pregiati. Il sushi bar assicura l’effetto wow e i bagni automatici in stile giapponese garantiscono la massima immersione nella cultura del paese del Sol Levante.

Un altro successo per il figlio di Trèves, che oggi è considerato dalle autorità monegasche uno dei “principali rappresentanti e datori di lavoro nel settore della ristorazione a Monaco”.

I principali rappresentanti e datori di lavoro della ristorazione monegasca – © Direzione della Comunicazione / Manuel Vitali

La famiglia prima di tutto

Questo riconoscimento sarà inficiato dal “caso Sass’ Café”? Non c’è dubbio che per questo padre di quattro figli, che antepone la famiglia (e il calcio) a qualsiasi cosa, il processo sia stato uno shock.

Come conseguenza immediata, le lavoratrici del sesso non sono più ammesse al Sass’, cosa che non ha avuto alcun effetto sulle vendite.

Samuel Trèves è stato assolto in primo grado ma, in attesa dell’appello della Procura, resta presunto innocente. Questa prima vittoria gli ha permesso di riabilitare il suo nome e, soprattutto, quello della sua famiglia.

Una famiglia che Samy metterà sempre al primo posto: “forse un giorno uno dei miei figli prenderà il comando, come ho fatto io con mio padre”, fantastica Trèves.

Il suo consiglio ai futuri eredi? La cosa più importante è “il rispetto. Rispetto per i clienti, rispetto per i dipendenti e trattare tutti come se fossero persone importanti. Questo è ciò che facciamo (al Sass’ Café) e credo sia il motivo per cui siamo qui da 30 anni”.

Privacy Policy