fbpx

I Grimaldi: Principi di Monaco da 700 anni

grimaldi-monaco

Da Francesco Grimaldi, primo signore di Monaco, al Principe Alberto II, la lunga storia del Principato e della sua famiglia sovrana non è un lungo fiume tranquillo.

Già nel XIX secolo, i suoi casinò e i suoi palazzi attiravano tutto ciò che contava per le società del Secondo Impero e della Belle Epoque. La sua roccia a picco sul Mediterraneo come un balcone sul mare, il suo palazzo famoso in tutto il mondo e la sua famiglia sovrana, abituale sulle copertine delle riviste, ne fanno il simbolo glamour degli splendori di Montecarlo e della Costa Azzurra. Contrasto sorprendente : Monaco è anche uno degli stati più piccoli del mondo, più piccolo del Central Park di New York.

Adagiato sulla sua roccia, il palazzo è il cuore e l’anima del Principato. Dietro le mura del palazzo, protetto giorno e notte dai carabinieri, vive la famiglia sovrana i cui membri hanno governato Monaco per 700 anni, prima come feudatari e poi, a partire dal XVII secolo, come principi sovrani. Una longevità record in Europa.

Una famiglia di Genova

Il primo capitolo della saga familiare è scritto alla fine del XIII secolo da un corsaro travestito da frate francescano: Francesco Grimaldi, detto Malizia o”il furbo”. Originari dell’Italia, i Grimaldi si sono affermati come una delle famiglie più potenti del Comune di Genova grazie a grandi spedizioni marittime sul Mediterraneo e sul Mar Nero. A Genova sono a capo del clan guelfo, che sostiene gli interessi del Papa contro i ghibellini, sostenitori dell’imperatore germanico romano. Alla fine del XIII secolo, hanno appena subito una sconfitta. Cacciati da Genova, cercano di raggiungere luoghi meno ostili. Fu quindi con sorpresa che nel gennaio del 1297 i guelfi, sotto la guida di Francesco Grimaldi, rilevarono quella che allora era una semplice fortezza genovese.

La storia della famiglia Grimaldi comincia a essere scritta con quella di Monaco. Negli anni successivi a questo evento fondante, il luogo si è perso, poi è stato riconquistato per ricadere sotto l’autorità di Carlo Grimaldi, che ha assunto il titolo di “Signore di Monaco” nel 1342. Carlo, il primo del nome, acquistò anche i vicini feudi di Mentone e Roquebrune.

I primi signori di Monaco si misero in cammino per consolidare la loro posizione. Temendo Genova, che non aveva rinunciato alla bonifica della zona, si misero sotto la protezione dei re di Francia e dei conti di Provenza. Viene così firmata un’alleanza con la corona di Francia. Lambert Grimaldi, signore di Monaco dal 1458 al 1494, fu consigliere e camerlengo del re Carlo VIII. Durante il regno di Francesco I, la fortezza passò sotto la protezione della Spagna e di Carlo V.

Qualche anno prima, nel 1454, Giovanni I decretò le regole di successione nella Casa di Monaco: da parte dei maschi, seguendo l’ordine della primogenitura. In caso contrario, e questo accadrà due volte nella loro storia, le femmine possono essere chiamate, a condizione che i loro discendenti prendano il nome e le braccia dei Grimaldi. Armi che rappresentano, intorno allo stemma a scacchiera rossa e bianca, due monaci che impugnano una spada. Un omaggio all’astuto fondatore della dinastia…

Honoré II assume il titolo di “Principe di Monaco”

Dopo l’episodio spagnolo, durato fino al 1641, il trattato di Péronne rimette definitivamente il Principato nell’ovile francese. Un brillante signore, Honoré II ottenne dal re Luigi XIII il Ducato di Valentinois, il Marchesato di Baux, la Signoria di Saint-Rémy de Provence… Soprattutto, fu il primo Grimaldi ad assumere il titolo ufficiale di “Principe di Monaco”. Cresciuto nell’oro e nella raffinatezza della corte di Milano, ha trasformato l’antica fortezza monegasca in un palazzo italiano degno del suo rango.

Fu anche un periodo felice per il Principato, che si arricchì del commercio marittimo e dei proventi della terraferma. Si instaurò una certa prosperità. Nel dicembre 1678, il nipote di Honoré II, Luigi I, promulgò lo statuto giuridico del Principato o “Code Louis”. Saggio principe, impose un pedaggio alle navi commerciali al largo di Monaco.

Durante la Rivoluzione Francese, il Principato, che divenne “Forte Monte Ercole”, fu annesso alla Francia. Sono tempi duri per i Grimaldi, la cui proprietà viene saccheggiata. Molti di loro sono addirittura finiti sul patibolo. La sinistra parentesi è stata finalmente di breve durata. Nel restauro, hanno recuperato titoli e proprietà. Tuttavia, posta sotto l’autorità del Re di Sardegna, la Rocca ha vissuto un periodo di letargo politico e finanziario e la famiglia ha vissuto a Parigi. In seguito all’acquisizione della contea di Nizza da parte della Francia, l’imperatore Napoleone III concesse l’indipendenza al Principato, che fu spogliato delle città di Mentone e Roquebrune, quest’ultima avendo votato per plebiscito per essere annessa alla Francia. In compenso, il Principato riceve quattro milioni dallo Stato francese. Monaco coglie l’occasione per costruire la sua reputazione.

Un nuovo inizio

Contrariamente alle apparenze, il trattato franco-monegasco del 1861 segna un nuovo inizio per il Principato e la famiglia Grimaldi. Totalmente indipendente per la prima volta nella sua storia, il piccolo paese ha preso il volo. Carlo III creò la Société des Bains de Mer e il casinò. È l’inizio di un mercato del gioco d’azzardo molto redditizio che, vietato nei paesi vicini, costruirà la moderna reputazione della Rocca. I resort di lusso si sviluppano ad alta velocità, soprattutto sull’altopiano delle Spélugues, che si chiama Monte-Carlo in onore del sovrano. Il principe costruttore Carlo III commissionò all’architetto Carlo Garnier la costruzione di un teatro dell’opera che doveva essere più bello di quello di Parigi!

Suo figlio, Alberto I, era soprannominato “il principe navigatore” o “il principe colto”. Nel 1910 fondò il Museo Oceanografico e promulgò la prima Costituzione del Paese. Il suo successore, il principe Luigi II, non doveva essere da meno. Durante il suo regno, il principato divenne membro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Rainier III trasforma il Principato

Assunto al trono nel 1949, Ranieri III ereditò un paese in piena espansione. Il suo regno è tuttavia uno di quelli che più trasformerà il Principato e gli darà il volto attuale: diversificazione delle azioni realizzate dai suoi predecessori, sviluppo del turismo con l’acquisizione di terre sul mare, nuova Costituzione, ammissione di Monaco all’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e al Consiglio d’Europa… Nonostante una certa austerità nel suo aspetto, vale la pena ricordare che Rainier avrà fatto del piccolo Principato monegasco la capitale mondiale del glamour grazie al suo matrimonio con l’attrice americana di fama internazionale, Grace Kelly.

Diventando il 14° Principe di Monaco il 6 aprile 2005, Alberto II ha seguito le orme del padre. Preoccupato per lo sviluppo del Principato, punta sul turismo, l’industria e il settore immobiliare, tenendo conto della questione ecologica a cui è molto legato. Il suo matrimonio con Charlène Wittstock, una nuotatrice sudafricana, fa impazzire il pianeta people. Il 10 dicembre 2014 la principessa Charlène dà alla luce due gemelli. La principessa Gabriella e il principe Jacques perpetuano la dinastia dei Grimaldi. Il futuro appartiene a loro.