È una domanda che ogni aspirante chef si pone dopo un lockdown ricco di antipasti a lievitazione naturale e banana bread. Come scrivere un libro di cucina di successo senza una vera e propria formazione e come confrontarsi con le stelle dell’alta cucina? Monaco Tribune ha intervistato Nika Belotserkovskaya, nota imprenditrice, direttrice di media e editrice russa.

Ammirando le foto della città di Nika a Capodaglio, situato ad alcuni chilometri da Monaco, possiamo quasi sentire l’odore dei dolci provenire dalla cucina. L’odore della torta di mele si mescola alla brezza marina, che avvolge le rocce sulle quali si trova la sua città. In altri tempi, gli invitati si sarebbero seduti sulle terrazze sotto le melodie suonate dal musicista americano Nicholas Jaar, mentre la cucina brulicherebbe di vita. Il vero padrone di casa è Borisych, il fotogenico Main Coon Rosso che giace languido su un tavolo accanto a tazze di porcellana, con gli occhi che fissano maestosi il mare in lontananza.

È qui, sulla Costa Azzurra che Nika Belotserkovskaya, direttrice di diverse celebri pubblicazioni russe e autrice di best-seller di cucina, termina il suo ultimo libro. Ogni giovedì, sul suo account Instagram, l’imprenditrice, in collaborazione con il pasticcere monegasco Alexander Seleznev, insegna a numerosi follower come preparare torte di cipolle dolci, éclair e dolci di carote.

Tutto è iniziato in bici

Quando le viene chiesto perché trascorre almeno sei mesi nel sud della Francia, Belonika, come la chiamano i suoi amici e colleghi, sorride e mostra la vista dal suo balcone dove il mare azzurro si estende all’orizzonte.

Non volevo andarmene e quindi sono rimasta e ho vissuto in cucina per settimane.

Belonika ha sviluppato la sua vera passione per la cucina grazie alla Francia, dove ha fatto un tour in bici dei luoghi gastronomici più famosi del paese.

“Tutto è iniziato con L’Oustau de Baumaniere (ristorante stellato Michelin a Les Baux de Provence). Mi ricordo ancora l’incredibile sensazione di leggerezza. Pura felicità. Era davvero fantastico. Ero incinta all’epoca. Lo chef Sylvestre Wahid è venuto a salutarmi. Non volevo andarmene e sono rimasta, vivendo praticamente in cucina per settimane”.

Il successo del suo blog culinario

Alcuni anni dopo, sulla piattaforma di blogging Live Journal, l’imprenditrice ha avviato un blog culinario chiamato “Belonika”. Vi sono le sue ricette di grande qualità e preparate con cura, insieme a storie e foto abbaglianti della sua vita. Questo fu l’inizio di qualcosa che Nika padroneggiava in modo eccellente: il blog di successo. I suoi follower leggono ogni nuovo articolo e il blog trova rapidamente il suo pubblico, che conta milioni di persone.

Lavoro minimo per ottenere il massimo dei risultati. Ecco il segreto del successo.

“Lavoro minimo per ottenere il massimo dei risultati. Ecco il segreto del successo. Ho una sorta di metodo di decostruzione con i miei piatti. Non capisco perché si debba fare il brodo per tre giorni quando si può friggere la carne in padella. Ha un gusto più interessante e leggero”.

La gastronomia non era solo una passione per l’imprenditrice e l’editrice, ma anche una vera e propria sfida.

“Ci sono due tipi di ristoranti: i ristoranti stile brasserie e i ristoranti gourmet. Sono stata particolarmente sorpresa dal modo in cui sono combinati i due ristoranti in Giappone. Al ristorante, tutti e 12 i piatti sono stati collegati con una sorta di tecnica, ovvero vi si servivano i piatti, vi era un pezzo di pietra riscaldato nel quale facevano cuocere il pane e nel quale immergevano del Sencha (una forma di tè verde giapponese). Era un vero e proprio spettacolo”.

Itinerari gastronomici in Europa

Molto velocemente, Belonika ha iniziato a rivelare i segreti della gastronomia ad aspiranti cuochi e a fanatici dell’alimentazione, in compagnia di altri chef affermati, organizzando itinerari gastronomici esclusivi in Provenza, Toscana, Piemonte e Sicilia. Grazie a questi viaggi culinari, Belonika ha potuto lavorare con Gianluca Caneschi (El Comanchero, Italia), Pinot Cuttaia (ristorante La Madia, due stelle Michelin, Italia), Massimo Mantarro (ristorante Principe Cerami, due stelle Michelin, Italia) e tanti altri.

Quando siete davvero appassionati, le persone ve ne sono riconoscenti.

“Da quando lavoro con gli chef, nessuno ha mai rifiutato di seguire i miei corsi. Sono in buoni rapporti con tutti. È una cosa solo commerciale. Certamente, sono molto carismatici in quanto la gastronomia è una passione. Soprattutto quando si tratta di cucinare a questi livelli, è una questione in primo luogo di istinto. Quando siete appassionati, le persone ve ne sono riconoscenti”.

La passione è diventata un affare serio. Oggi, ha un team di diverse decine di persone che preparano i viaggi culinari più lussuosi in Europa, alla scoperta dei tartufi del Piemonte, dei vigneti toscani e dei famosi mercati del pesce della Sicilia.

Il padrone di casa era un po’ reticente, ma siamo diventati amici

L’ultima avventura si è svolta in Inghilterra. Gli chef tirocinanti si sono recati al castello inglese, la tenuta di famiglia degli ex conti di Somer, dove hanno potuto assaggiare il formaggio blu dell’Oxfordshire e il sidro Hereford.

“Dovevo trovare un vero castello, stile Downtown Abbey. Alexei Zimin (cuoco, presentatore televisivo, co-proprietario della scuola di cucina) l’ha trovato. Noi abbiamo affittato tutto il locale. Nessuno aveva mai fatto una cosa del genere. Il Padrone era un po’ reticente, ma siamo diventati amici. E sono stata nella camera principale”

Lo spirito imprenditoriale, la chiave per creare la sua vita

Avendo parlato, non c’è dubbio che, oltre ad un eterno amore e un innato talento per la cucina, e a un attivo interesse per gli affari e l’avventura, Belonika possiede anche una vitalità che solo i veri uomini d’affari possono sfruttare.

Uno dei suoi hobby è la fotografia, Belonika condivide sempre foto sui social network. È quasi certo che questo passatempo sarà il nuovo progetto dell’imprenditrice.

“Una volta iniziato, si diventa la propria fonte di energia e di potere. Non abbiate paura di lanciarvi in qualcosa di nuovo! Anche se non funziona, avrete sempre l’energia di cui avete bisogno nella vita.