Monaco Tribune ha stilato la top 5 delle migliori bevande realizzate a Monaco. Da consumare con moderazione…

1. L’Orangerie, il liquore dei cocktail

Conoscete l’arancio amaro, detto anche melangolo? Quest’albero, via di mezzo tra un pomelo e un mandarino, produce appunto delle arance amare e il Principato ne conta 600.

Nel 2017, Philip Culazzo, monegasco, ha deciso di creare un liquore prodotto proprio con le bucce delle arance amare. Si chiama L’Orangerie, e lo ritroviamo sulle tavole degli hotel della Société des Bains de Mer, ma anche su quelle dell’hotel Métropole, dello Yacht Club, dell’Automobile Club e nelle grandi cantine monegasche.

2. La birra di Monaco, un savoir-faire storico

Attingendo dai più deliziosi segreti dei birrifici monegaschi del ‘900, il fondatore e proprietario della Brasserie Monaco, Gildo Pallanca-Pastor, ha servito la sua prima bionda schiumosa nell’agosto del 2008.

Da allora, il mastro birraio, François Pichon, si è occupato di creare le famose birre dello stabilimento, utilizzando i migliori malti biologici. Il nettare artigianale della Brasserie è un prodotto naturale, non filtrato e non pastorizzato, che rende omaggio alle tradizioni del passato.

Sono disponibili tre gusti unici: la Blonde de Monaco, la Blanche de Monaco e l’Ambrée de Monaco.

3. Rocher Monte-Carlo, il milkshake americano a Monaco

Da quasi 90 anni, Steak’n’Shake è famoso per essere il pioniere dell’hamburger gourmet, ma non solo. Anche i milkshake sono un cavallo di battaglia! In un anno, il milkshake Rocher Monte-Carlo, ideato con un maître chocolatier locale, è diventato un must nel Principato. La bevanda è realizzata con gelato 100% francese e artigianale. Il consiglio di Monaco Tribune? La consistenza è piuttosto corposa, quindi dite addio alla cannuccia e optate per un cucchiaio per apprezzarlo al meglio!

>> LEGGI ANCHE: Il mercato coperto di Beausoleil, un luogo al contempo storico e moderno

4. Monte-Carlo Beer, l’orgoglio monegasco

Anthony Orengo e William Scheffer hanno avuto un’intuizione: sulla Costa Azzurra, c’erano solo birre pesanti e dal gusto deciso, e neanche una leggera che fosse veramente rifrescante.

Così è nata la Monte-Carlo Beer (MCB). Una birra che unisce il savoir-faire dei migliori artigiani, la manodopera locale e i prodotti regionali, per un risultato leggero e dolce.

5. Kombustars: la natura in un bicchiere

Kombustars è il kombucha home-made preparato da Star’n’Bars. Questo tè zuccherato fermentato viene preparato a partire da una coltura di kombucha, ovvero un misto di batteri e lieviti. Energizzante, disintossicante e probiotico, Kombustars nature è il risultato di una doppia fermentazione a base di tè nero e tè verde.

>> LEGGI ANCHE: Scopriamo insieme i temporary bar di Monaco