Sono stati installati quasi 450 pannelli che dovrebbero fornire 250 MWh di elettricità all’anno.

Monaco continua la sua transizione energetica. Il Centro Scientifico di Monaco (CSM) è il 27° e ultimo edificio pubblico di Monaco a beneficiare del fondo verde nazionale nel 2021. È anche il secondo edificio ad aver optato per i pannelli fotovoltaici questo dicembre, il primo è stato l’istituto scolastico FANB pochi giorni fa.

Il Principato ha investito circa 400.000 euro perché questo progetto andasse in porto. I 443 pannelli fotovoltaici sono stati installati a luglio e sono stati inaugurati lunedì alla presenza del Principe Alberto II, del Consigliere di Governo-Ministro dell’interno, Patrice Cellario, e del Consigliere del Dipartimento dei Lavori pubblici, dell’Ambiente e dell’Urbanistica, Céline Caron-Dagioni.

Questi pannelli ora coprono 1.000m² del CSM e produrranno il 25% del suo consumo, permettendo di risparmiare 20,5 tonnellate di CO2 all’anno. Si tratta quindi di un investimento a lungo termine, che non si ripagherà prima di otto anni, ma che è in linea con la volontà del Principato di raggiungere la carbon neutrality entro il 2050.

Oltre a questa novità, il CSM ha firmato il Patto nazionale per la transizione energetica. Il presidente spera così che anche i suoi membri aderiscano a titolo individuale entro il 2022.

>> LEGGI ANCHE: “Monaco ha tutte le carte in regola per giocare un ruolo chiave nella transizione energetica globale”

pannelli fotovoltaici CSM
Direzione della Comunicazione / Michael Alesi