Pubblicità »
Servizio

Beausoleil: il sindaco Gérard Spinelli comparirà in tribunale a settembre

Beausoleil: il sindaco Gérard Spinelli
Gérard Spinelli è ancora presunto innocente - © Città di Beausoleil

Il sindaco aveva già avuto un altro procedimento sei anni fa, ma era stato assolto.

Gérard Spinelli è colpevole di aver organizzato feste private a spese dei contribuenti? È questa la domanda a cui i tribunali dovranno rispondere il prossimo autunno.

Pubblicità

Dopo la perquisizione del municipio di Beausoleil a maggio da parte della polizia giudiziaria e un primo periodo di custodia cautelare, il 16 giugno, come riportato da Nice-Matin, il sindaco di Beausoleil è apparso davanti al pubblico ministero di Nizza. Uscito da uomo libero dal Palazzo di giustizia, l’ex sindaco ha versato una cauzione di 50.000 euro per ottenere un’ordinanza cautelare più leggera, ma dovrà comunque comparire davanti al Tribunale penale il 25 settembre 2023.

Presunto innocente, il consigliere comunale, rieletto nel 2008, è accusato di “complicità di abuso di fiducia”, “appropriazione indebita di fondi pubblici da parte di una carica elettiva” e “favoritismo”. Secondo Le Figaro, i fatti risalgono al 2017 e al 2018 e coinvolgono altre quattro persone. Ma a cosa si riferisce esattamente la Procura?

Pubblicità »

Cena a spese di un’associazione

Secondo France 3 Provence-Alpes-Côte-d’Azur, il sindaco di Beausoleil è accusato innanzitutto di “aver contribuito all’uso di un’associazione per scopi non in linea con il suo oggetto sociale”. Si tratta in particolare di una cena organizzata al Café de Paris nell’aprile 2017 per festeggiare il capodanno thailandese, paese di origine della moglie del sindaco. Qual è il problema? Il conto era stato pagato dall’Associazione Amici di Alba (ABAA).

Un’associazione, la cui pagina Facebook è stata nel frattempo cancellata, che avrebbe dovuto promuovere la cultura italiana nel comune… e che aveva già suscitato diversi conflitti all’interno dell’opposizione. Un articolo di Monaco-Matin, pubblicato nel 2017, racconta di un contrasto sorto durante una riunione del Consiglio comunale. Per il 2017, la maggioranza aveva previsto di destinare all’organizzazione 70.000 euro.

Una somma nettamente superiore ai 1.000 euro concessi a In/Tension Théâtre per le sue rappresentazioni, ai 2.000 euro versati al Bellevue College per una vacanza in montagna per 20 bambini o ai 600 euro stanziati per i membri della Legione d’Onore. Per non parlare del debito della città, stimato all’epoca in 7 milioni di euro.

Pubblicità »

L’opposizione aveva quindi denunciato la cifra “colossale” e la partecipazione dell’associazione a “molte attività che non hanno nulla a che fare con Alba [come la Course des escaliers (la corsa delle scale), le festività di fine anno e il festival Les héros de la télé]”.

“Non è un finanziamento destinato a essere permanente. Mi chiedo quali siano i legami tra il Comune, l’associazione e il suo direttore”, ha sottolineato Jean-Jacques Guitard, della lista “Rassemblement Bleu Marine”. Guitard ha persino ottenuto il bilancio 2015 dell’associazione e ha evidenziato che nel 2014 la sovvenzione concessa era di 90.000 euro, ma che 45.000 euro mancavano all’appello. “Non ci sono fatture, né estratti conto”, ha detto.

Pubblicità »

I sospetti sono stati immediatamente smentiti da Gérard Spinelli, che ha convenuto che “il nome dell’associazione è sbagliato. L’ABAA è coinvolta in tutti i principali eventi in cui Beausoleil ha un legame con l’Italia. La cultura italiana è parte integrante della città. 70.000 euro è una somma che corrisponde principalmente a fatture per eventi. Il finanziamento del festival del tartufo bianco è molto importante. Non ho alcun problema con il modo in cui vengono utilizzati i fondi”.

Il compleanno della signora Spinelli a spese dei contribuenti?

Per quanto riguarda favoritismi e appropriazione indebita di fondi pubblici, il tribunale accusa Gérard Spinelli di una serie di “spese ristorante” non conformi al Codice degli appalti pubblici. Ingegnere di professione, il sindaco sarebbe stato contattato dal Comune in quanto libero professionista, ma, secondo la magistratura, non avrebbe indetto una gara d’appalto.

“L’indagine riguarda eventi risalenti al 2018. La Procura di Nizza ritiene che alcune regole formali avrebbero dovuto essere applicate in modo più rigoroso in conformità con il Codice degli appalti pubblici. Non sono accusato di alcun arricchimento personale o di avere interessi personali. Dal 2018 ho chiesto ai miei uffici di essere più rigorosi nell’applicazione delle regole, talvolta complesse, di aggiudicazione degli appalti. Oggi rinnovo ancor di più questa richiesta a ciascuno dei dipartimenti interessati”, ha dichiarato Gérard Spinelli.

Pubblicità »

Il sindaco è anche sospettato di aver organizzato, nel 2018, un ricevimento presso il prestigioso Hôtel de Paris, noto hotel di lusso di Montecarlo, dove Gérard Spinelli avrebbe festeggiato il compleanno della moglie utilizzando fondi pubblici. Nello stesso anno, il sindaco avrebbe anche dato una festa a spese dei contribuenti per celebrare il suo rilascio.

Sospetti di corruzione per la Torre Odeon

Non è la prima volta che il consigliere comunale si trova a dover affrontare la legge. Secondo quanto riportato da France 3 Provence-Alpes-Côte-d’Azur, nel 2017, dopo sei anni di indagini, Gérard Spinelli è comparso davanti al tribunale penale di Marsiglia. Il motivo? La costruzione della famosa Torre Odeon, il grattacielo più alto di Monaco, al confine tra il Principato e Beausoleil.

Il sindaco è stato perseguito nel 2009 per “corruzione passiva” e ha trascorso 24 giorni in carcere. Secondo 20 Minutes, Gérard Spinelli era sospettato di aver ricevuto tangenti dai costruttori Paolo e Claudio Marzocco, anch’essi sotto processo, tramite Ange-Roméo Alberti, che avrebbe fatto da intermediario nella vicenda.

Gérard Spinelli avrebbe ricevuto decine di migliaia di euro per facilitare, o non ostacolare, i lavori di costruzione. E c’era un buon motivo, visto che la vista è stata bloccata e il sole nascosto. Come riportato da Monaco-Matin, infatti, molti abitanti di Beausoleil si sono opposti alla costruzione di questa immensa torre di 170 metri e 49 piani.

Sebbene Gérard Spinelli fosse stato condannato a tre anni con la condizionale, alla fine è stato assolto in primo grado. L’assoluzione è stata confermata l’anno successivo dalla Corte d’appello di Aix-en-Provence, nonostante la richiesta del pubblico ministero di due anni con la condizionale e sei mesi di reclusione. “Questa è la fine di un incubo durato nove anni. Dall’inizio di questo caso, il fascicolo è rimasto vuoto”, ha dichiarato François-Xavier Vincensini, avvocato di Gérard Spinelli.

La vicenda non ha però impedito a Spinelli di vincere a mani basse le elezioni comunali del 2020, con il 70,96% dei voti.

La difesa è irremovibile

Oggi l’avvocato Vincensini torna a difendere il suo cliente. Contattato da noi, ha confermato che “si tratta di fatti molto vecchi che risalgono al 2017 e al 2018. Il sindaco non è accusato di alcun arricchimento personale o illeciti di interessi privati. Semplicemente alcune regole particolarmente complesse relative agli appalti pubblici (…) avrebbero potuto, secondo gli inquirenti, essere rispettate meglio. Si tratta di due piccoli appalti del valore inferiore a 10.000 euro. Non c’è stata alcuna intenzione deliberata da parte degli uffici del Comune, e ancor meno da parte del sindaco, di aggirare o eludere le norme applicabili. (…)

Rimane la questione della torta, una torta alle fragole, che è stata servita alla fine di una cena ufficiale a cui hanno partecipato diverse personalità legate alla città. La natura ufficiale di questa cena non è contestata. La questione è quindi se questa torta debba essere collegata alla cena ufficiale che è stata servita, cosa che sembra ovvia, dato che il pasto doveva necessariamente concludersi con un dessert, oppure se la torta debba essere collegata a un evento privato, ovvero il compleanno della moglie del sindaco, dato che il giorno in cui fu organizzata la cena ufficiale cadeva alla vigilia del compleanno della signora Spinelli. Questa coincidenza di date è all’origine di un’ambiguità certamente deplorevole, ma va ricordato che il dibattito riguarda una torta di fragole (…) Ciò che è chiaro è che questo tipo di ambiguità non si ripeterà in futuro, per evitare qualsiasi difficoltà di interpretazione”.

Per quanto riguarda il Capodanno thailandese, celebrato qualche mese prima, la difesa del sindaco è ancora una volta molto chiara. Come riporta Nice-Matin: “questo, come altri eventi, era volto a valorizzare l’immagine di Beausoleil e a intessere relazioni. C’erano solo funzionari al tavolo”.

Infine, l’avvocato Vincensini aggiunge, parlando con il quotidiano locale, che il suo cliente è “un ingegnere la cui competenza è ampiamente riconosciuta, tanto che quando è andato in pensione, il Comune ha continuato a ricorrere ai suoi servizi come libero professionista. (…) Pur negando qualsiasi illecito [per non aver indetto la gara d’appalto, ndr], il sindaco ha subito manifestato la volontà di applicare con il massimo rigore le normative degli appalti pubblici per evitare qualsiasi malinteso in futuro”.

Un ex avversario dietro le segnalazioni

Dietro queste recenti denunce c’è una persona in particolare: Stéphane Manfredi. Ex funzionario responsabile del protocollo, licenziato dal Comune in seguito alle accuse di molestie sessuali da parte dei colleghi e a una denuncia per stupro (che è stata archiviata), Manfredi si è candidato alle elezioni comunali del 2020 con la lista RN.

Secondo Nice-Matin, Stéphane Manfredi avrebbe parlato di fatture “compromettenti” del sindaco uscente. “È normale quando si utilizzano fondi pubblici, e anche automatico quando vengono mosse delle accuse”, ha commentato Vincensini, negando le denunce dell’ex funzionario.

Il sindaco ha anche aggiunto che la famosa torta di compleanno, su cui era scritto il nome della signora Spinelli, era stata ordinata dallo stesso Stéphane Manfredi.

Questo ha anche contattato Médiapart proprio quando la campagna elettorale per il 2020 era in pieno svolgimento. Il giornale ha pubblicato un lungo articolo in cui Stéphane Manfredi scrive in forma anonima: “Non mi fido del sistema giudiziario locale. Per questo ho preferito presentare la mia denuncia a Parigi”.

Il giornale rivela che l’indagine è iniziata il 26 agosto 2019, dopo che Stéphane Manfredi ha presentato una denuncia alla Procura finanziaria nazionale. “Il signor Gérard Spinelli utilizza le risorse materiali, umane e finanziarie messe a sua disposizione dall’ente locale per soddisfare esigenze o interessi personali che non hanno nulla a che vedere con i suoi mandati. Gran parte delle risorse della comunità sono utilizzate per scopi privati e vengono deliberatamente deviate dal loro scopo”, si legge nel rapporto.

Dopo la pubblicazione dell’articolo, che il sindaco si è rifiutato di commentare, Stéphane Manfredi ha ammesso di essere l’autore del rapporto e delle dichiarazioni, come ha confermato Gérard Spinelli in un’importante intervista a Monaco Hebdo un mese dopo.

Riferendosi a una persona “a cui ha dato aiuto assumendolo in municipio nel 2012, quando aveva problemi personali a dir poco complessi”, Gérard Spinelli si è anche assunto la piena responsabilità dell’aumento del 47% dei costi per l’organizzazione di feste e cerimonie tra il 2010 e il 2016, come evidenziato dalla Chambre régionale des comptes (Camera regionale dei conti) e citato da Médiapart.

“Queste somme permettono di organizzare più di cinquanta eventi durante l’anno, come il festival del libro, il festival della musica da camera, il carnevale, ecc… Mi assumo quindi la responsabilità di aver scelto di sostenere spese di protocollo corrispondenti a spettacoli, festival e cerimonie”, ha dichiarato, aggiungendo che intende sporgere denuncia contro il giornale e Stéphane Manfredi per “diffusione di notizie false con lo scopo di alterare una votazione elettorale”.

Molti cittadini di Beausoleil sono rimasti soddisfatti dalla vittoria di Gérard Spinelli, come si evince dai loro social, denunciando le “calunnie” perpetrate dall’opposizione.

A tre anni di distanza, il sindaco resta fiducioso nella piega che prenderanno gli eventi, come rivela Nice-Matin: “È il gioco della democrazia”, ha detto lo scorso maggio. “Ho cercato di fornire agli inquirenti che mi hanno interrogato dettagli che non avevano. Credo che mi abbiano ascoltato”.

Per scoprire come finirà, appuntamento a settembre.