Pubblicità »
Info pratiche

Le vostre ricette di famiglia: i barbagiuàns tradizionali

barbagiuans-recette
Sharon ha condiviso una ricetta di sua nonna - © Sharon Eastwood su Facebook

Sono uno tira l’altro, davvero!

Un piatto che non può mancare nel patrimonio culinario monegasco è il barbagiuàn (o barbajuan, come scrivono in Costa Azzurra).

Pubblicità

Secondo la leggenda, un giorno un certo Monsieur Jean decise di preparare dei ravioli ripieni di biete per i suoi ospiti, ma visto che non aveva un sugo con cui condirli, ebbe l’idea di friggerli. Gli ospiti apprezzarono così tanto questo piatto originale che decisero di chiamarlo barbagiuàn.

Vi abbiamo chiesto le vostre migliori ricette. Ecco cosa ci ha suggerito Sharon sulla nostra pagina Facebook:

Per circa sessanta barbagiuàns (ricetta della nonna):

Pubblicità »

Per l’impasto:

  • 400 gr di farina + farina per il piano di lavoro
  • 1 uovo
  • 120 ml di olio d’oliva
  • 150 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di sale

Per il ripieno:

  • 3 mazzi di biete
  • 1 manciata di spinacino
  • 2 mazzetti di cipollotti
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 gr di parmigiano grattuggiato
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di sale, pepe

1. Preparare l’impasto mescolando tutti gli ingredienti, facendo attenzione a non lavorarlo troppo. Lasciare riposare.

2. Rosolare i cipollotti tritati, quindi aggiungere le biete sbollentate e tagliate a strisce, gli spinaci sbollentati e lo spicchio d’aglio. Cuocere per qualche minuto.

Pubblicità »

3. Scolare in un colino e far uscire tutta l’acqua aiutandosi con uno schiacciapatate.

4. Mescolare le biete sgocciolate con il parmigiano, l’uovo e il sale.

5. Stendere la pasta con una macchina apposita (livello 5 nel KitchenAid), aggiungendo farina se necessario. Io preferisco che la pasta sia sottile come le cartine delle sigarette e che si “sciolga” sul ripieno, ma se preferite una pasta più spessa, stendetela al livello 3.

6. Disporre il ripieno in mucchietti, ripiegare la striscia di pasta e formare dei ravioli grossolani. Fare attenzione a sigillare bene i bordi.

7. Friggere fino a doratura (3-4 minuti), facendo attenzione che l’olio non sia troppo caldo. Lasciare riposare su carta assorbente prima di servirli ancora caldi.

La pasta avanzata può essere conservata per preparare una torta salata.

Pubblicità »
Privacy Policy