All’inizio di questo mese, Monaco ha deciso di seguire le orme della capitale estone Tallinn, del Lussemburgo e della città francese di Dunkerque per lanciare corse gratuite in autobus ed incoraggiare così la popolazione ad utilizzare i trasporti pubblici. La prova iniziale sarà limitata a una sola linea di autobus, che sarà gratuita per sei mesi a partire dalla prossima primavera. Comunque molti rappresentanti eletti locali hanno chiesto la gratuità totale del sistema per avere un effetto mobilitante. Tuttavia, Monaco e i suoi cittadini hanno mostrato la determinazione di utilizzare i trasporti ecologici per proteggere l’ambiente. Che si tratti di terra, di aria o di acqua, i monegaschi non hanno mai esitato a optare per i trasporti ecologici.

 

Pioniere dell’elettromobilità

Dal 2005, i maggiori attori dedicati alle energie rinnovabili e alla mobilità sostenibile si riuniscono al Grimaldi Forum per Ever Monaco, il forum professionale per il futuro dei trasporti e della transizione energetica. Il fervore intorno all’evento di quest’anno è stato più importante che mai. Una ventina di veicoli ecologici di diversi produttori hanno potuto essere testati durante l’intera manifestazione. Tuttavia, tutti gli occhi erano sulla terza edizione del Monaco e-Prix sull’ippodromo di F1 del Principato, con la partecipazione dei migliori piloti di auto elettriche al 100%.

 

Eliporto neutro al carbonio

Monaco vanta anche il primo eliporto a emissioni zero al mondo. Nel 2018, l’eliporto di Monaco è diventato il primo al mondo a raggiungere lo status di “carbon neutral”. È l’unico mezzo per far atterrare un aereo all’interno di Monaco e l’unica destinazione è l’aeroporto della Costa Azzurra a Nizza. Fontvieille è sede di numerose nuove iniziative edilizie e recentemente è diventata un terreno di prova per un nuovo tipo di energia rinnovabile – le lastre solari – che vengono posate direttamente sull’asfalto e che si dice siano in grado di generare una quantità di energia simile al fotovoltaico tradizionale.

 

Yachting pulito

Una regata nautica e allo stesso tempo un’iniziativa a favore della salvaguardia dell’ambiente, l’evento sportivo Solar & Energy Boat Challenge, organizzato dallo Yacht Club di Monaco, dimostra che è possibile abbinare le due cose. La regata di quest’anno ha visto alcune barche foderate con pannelli solari. Una delle tre categorie dell’evento – Energy Class – è stata organizzata per la prima volta l’anno scorso. I team concorrenti avevano costruito un sistema di propulsione che utilizzava energia rinnovabile dallo scafo del catamarano. Il motto: ridurre il più possibile le emissioni di carbonio. Inoltre, il Monaco Yacht Show di quest’anno ha accolto Acqua – il primo superyacht che funziona a idrogeno. Questo superyacht di 112 metri ha conciliato il progresso con il miglioramento dell’ambiente, il lusso e l’energia pulita.

 

Strategia del porto verde

L’anno scorso, Monaco ha fatto la storia grazie al Porto di Monaco che è diventato il primo porto della Costa Azzurra ad ottenere una doppia certificazione ISO per il rispetto della “qualità” e dell'”ambiente”. La strategia del porto verde si è così dimostrata ambiziosa e fruttuosa. La visione della sostenibilità della SEPM – Société d’Exploitation des Ports de Monaco – in combinazione con il dinamico contesto economico della regione, ha fatto del Porto di Monaco un faro su una collina per altri nodi di trasporto simili.