Servizio

Lavoratori senza documenti condannati a Monaco

lavoro senza documenti cucina
DR

Sei uomini di origine comoriana lavoravano in vari ristoranti del Principato con permessi di lavoro ottenuti grazie a documenti d’identità falsi.

“La mia unica intenzione era quella di lavorare”, ha spiegato uno degli imputati al banco dei testimoni. Dei sei uomini sotto accusa, solo due erano presenti all’udienza del Tribunale penale di Monaco martedì 15 novembre 2022. Gli stranieri, di circa 30 anni, hanno lavorato per lo più tra il 2021 e il 2022 nel Principato di Monaco utilizzando documenti d’identità falsi o spacciandosi per terze persone.

È stato diffuso il messaggio che a Monaco è relativamente facile trovare lavoro

Florestan Bellinzona, Presidente del Tribunale

Grazie ai loro stipendi come lavapiatti, aiuto cuoco o cameriere, mandavano soldi alle loro famiglie rimaste alle Comore. Con quel poco che rimaneva, dormivano in letti a castello in un appartamento a Beausoleil “in condizioni di vita quasi sordide”, per citare le parole del procuratore. La loro fedina penale monegasca e francese era immacolata fino a oggi.

Un controllo a sopresa

Il sotterfugio sarebbe potuto durare a lungo se uno di loro non si fosse trovato faccia a faccia con la polizia durante un controllo a sorpresa su strada il 9 settembre. Gli agenti si sono subito resi conto che la foto del passaporto presentato non corrispondeva all’uomo che avevano di fronte. La successiva perquisizione della sua abitazione in Boulevard de la Turbie a Beausoleil ha fatto cascare gli altri uomini che vivevano nell’appartamento.

Oggi uno di loro non lavora più ed è in corso di regolarizzazione, mentre l’altro fa dei lavoretti in Francia.”Ha regolarizzato la sua situazione in Francia e vuole regolarizzare la sua situazione a Monaco per continuare a lavorare”, sostiene il suo avvocato Grégoire Gamerdinger. “Lo Stato non ha intenzione di accanirsi contro questi individui”, ha dichiarato Hervé Campana. “Si considera piuttosto una vittima, perché la sua fiducia è stata tradita e questa situazione sporca l’immagine di sicurezza che dà il Principato”. Per il danno morale, quindi, la parte civile chiede 1 euro simbolico.

Per quanto riguarda i datori di lavoro, nessuno di loro si è costituito parte civile. La Procura si è mostrata tuttavia perplessa sulla loro responsabilità.

Pena detentiva sospesa

Secondo il procuratore,”questi uomini sono vittime della rete e del luogo in cui sono nati, e il loro desiderio di trovare una vita migliore è evidente”. La Procura sottolinea inoltre di non aver contestato i fatti. Ciononostante, i reati sono stati accertati e le spiegazioni degli imputati su come siano stati rilasciati i documenti rimangono poco chiare. Poiché una multa”non sarebbe appropriata”, l’ufficio del pubblico ministero ha chiesto da 10 giorni a un mese di reclusione con la condizionale e la confisca del denaro trovato nell’appartamento durante la perquisizione, nonché dei documenti amministrativi.

Dopo aver deliberato, il tribunale ha deciso di accogliere la richiesta del pubblico ministero e i colpevoli sono stati condannati a 10 giorni di reclusione con sospensione della pena. Ha inoltre accolto la richiesta di parte civile del pagamento di un euro simbolico e quella dell’avvocato difensore di non menzionare la condanna nel casellario giudiziario del suo cliente, in modo da non porre”un ostacolo al suo futuro”.