Travel Club Monaco

I trasporti a Monaco

Nonostante copra appena 2km2 e abbia una topografia particolare, racchiusa tra mare e montagna, il Principato di Monaco è servito da diversi mezzi di trasporto.

monaco transport updates coronavirus covid 19
Visit Monaco

Treno

La linea ferroviaria Marsiglia-Saint-Charles – Ventimiglia attraversa Monaco permettendo al Principato di usufruire di 1,7 km di rete ferroviaria. Questa è poi diventata una linea sotterranea, con un primo tunnel di 3,5 km costruito nel 1958 e un secondo tunnel di 3 km nel 1999. Nello stesso periodo viene inaugurata l’attuale stazione sotterranea di Monaco-Monte-Carlo.

>> LEGGI ANCHE: Addio ai treni Thello tra Milano e Marsiglia dall’inizio del 2021

>> LEGGI ANCHE: Moderna e sostenibile: la stazione di Monaco festeggia 20 anni

Il micro-stato gode di un collegamento ferroviario fin dal 1868, solo che allora erano presenti due stazioni. La prima, quella di Monte-Carlo, si trovava al livello dell’attuale Hotel Fairmont, ed è stata chiusa nel 1965 per poi essere distrutta. La seconda, la stazione di Monaco, si trovava nella Condamine. È stata chiusa nel 1999 e anch’essa distrutta.

Dal 2008, per fluidificare il servizio utilizzato dai lavoratori transfrontalieri, sulla linea circolano cinque treni TER con i colori del Principato.

Auto

Monaco è raggiungibile dall’aeroporto di Nizza in meno di 30 minuti di autostrada. Il Principato è inoltre accessibile dalla strada statale, più lenta ma con paesaggi decisamente meravigliosi.

È possibile usufruire di circa 40 parcheggi pubblici (con oltre 15.000 posti). Data la topografia particolare di Monaco, la maggior parte dei parcheggi è sotterranea. Durante il picco della stagione estiva, più di 100.000 veicoli entrano ed escono dal Principato.

Attenzione! Il centro storico di Monaco è accessibile solo ai veicoli immatricolati nel Principato o nel dipartimento francese delle Alpi Marittime (dietro presentazione di una prova di residenza). Inoltre, anche se nel Principato non è vietato l’ingresso ai camper, è piuttosto complicato circolare con questi veicoli e soprattutto parcheggiarli. Per maggiori informazioni, consigliamo di contattare il comune di Monaco.

Porti

Il Principato ha tre porti turistici: il primo, Port Hercule, si trova di fronte la Condamine. Secondo la società portuale di Monaco, la Société d’Exploitation des Ports de Monaco, è “uno dei pochi, se non il solo porto della Costa Azzurra in acqua profonda”.

Il secondo porto di Monaco, il porto di Fontvieille, è stato aperto all’inizio degli anni ’70. Si trova ai piedi della Rocca e può accogliere fino a 275 barche.

Port de Fontvieille
Il porto di Fontvieille

Il terzo porto è stato inaugurato nel 2020 a Ventimiglia, in Italia. Il porto di Cala del Forte può accogliere fino a 178 barche e ospita anche una trentina di negozi. Si trova a circa venti minuti di navigazione da Monaco.

>> LEGGI ANCHE: Monaco inaugura il terzo porto, questa volta in Italia

Eliporto

Situato a Fontvieille, l’eliporto collega, per la maggior parte dell’anno, il Principato di Monaco all’aeroporto di Nizza-Costa-Azzurra, situato a una ventina di chilometri (il tragitto dura circa sette minuti).

È utilizzato anche da due compagnie aeree monegasche, Heli Air Monaco e Monacair.

>> LEGGI ANCHE: Aeroporto di Nizza: il traffico del 2019 non tornerà prima del 2024

Monaco a piedi

Per facilitare gli spostamenti a piedi nel Principato, sono stati messi a disposizione di abitanti e turisti scale mobili o ascensori pubblici. In particolare, Monaco vanta 79 ascensori, 35 scale mobili e 8 tapis roulant. Su questi servizi, è disponibile una brochure.

Trasporti pubblici

La CAM, ovvero la società che si occupa del trasporto pubblico a Monaco, è stata fondata nel 1939 per rimpiazzare la vecchia compagnia dei trasporti del comune monegasco. Attualmente, la CAM offre sei linee di autobus che servono tutto il Principato, oltre che due linee notturne. Per sposare la politica ambientale intrapresa dal Principe Alberto II di Monaco, gli autobus sono elettrici o alimentati con biocarburanti.

Nel Principato circolano quattro linee della rete francese Ligne d’Azur: la linea 110 che collega Mentone all’aeroporto di Nizza-Costa-Azzurra, la 100 che collega Nizza, Monaco e Mentone, la 100X che collega Nizza a Monaco e la 114 che collega Monaco a Turbia.

Dal 2019, nel Principato circola anche una navetta elettrica senza guidatore con fermate al Palazzo del Principe, alla Cattedrale, al Museo oceanografico e alla Place de la Visitation, luoghi imperdibili per i turisti.

Il Principato, dal 2013, offre anche il proprio servizio di biciclette elettriche, MonaBike. Gli utenti hanno a disposizione 300 biciclette a libero servizio, suddivise in 35 stazioni.

>> LEGGI ANCHE: MonaBike, la bicicletta del Québec che ha conquistato le strade di Monaco!

MonaBike
MonaBike

Dal 2014, Monaco mette a disposizione anche un servizio di car sharing con veicoli elettrici chiamato Mobee. Gli utenti potranno usufruire di 30 Renault Twizzy 24 ore su 24, 7 giorni su 7 con il meccanismo del free floating, ovvero senza nessuna stazione. Le auto vengono geolocalizzate grazie a un’applicazione dedicata. Il parcheggio è gratuito sia su strada che nei 34 parcheggi convenzionati.

Dal 2007 è attivo anche un vaporetto elettrico e a energia solare che parte dal Port Hercule e collega il centro storico, Monaco-Ville, a Monte-Carlo. Secondo Monaco Riviera Navigation, che opera il servizio per conto della CAM, l’imbarcazione trasporta ogni anno 110.000 passeggeri. Il costo del biglietto è lo stesso di quello dell’autobus per lo stesso tragitto.