Nel pieno della Settimana europea della mobilità, la stazione di Monaco-Monte-Carlo festeggia il suo ventesimo anniversario: l’occasione giusta per rinnovare una stazione che unisce tecnologia e sostenibilità.

Il 14 settembre la stazione di Monaco ha compiuto 20 anni. Per l’occasione, il Principe Alberto, accompagnato da diversi membri del Principato, tra cui il ministro di Stato Pierre Dartout, ha inaugurato nuovi servizi pensati per la stazione, “in linea con le problematiche legate all’ecosostenibilità e alla digitalizzazione del Principato”.

Uffici connessi e armadietti automatici per ritirare le spedizioni

Il Sovrano ha avuto l’occasione di scoprire una postazione WeBike, che consente di ricaricare il telefono pedalando, due Work Stations, degli spazi di lavoro dotati di accesso Wi-Fi, e ancora un punto di ritiro automatico Amazon Locker. “Con il Governo del Principato, abbiamo deciso di moltiplicare le innovazioni digitali, in modo da semplificare la vita del viaggiatore senza tralasciare l’aspetto ecologico”, ha spiegato a Monaco Info Fabrice Morenon, direttore generale di SNCF Hubs & Connexions.

Terza della regione per traffico (dopo le stazioni di Marsiglia e Nizza), la stazione di Monaco-Monte-Carlo “oggi incarna un nuovo concetto di modernità, sia dal punto di vista tecnico che architettonico”, ha dichiarato il Principe nel suo discorso inaugurale. Secondo la politica di sviluppo sostenibile del Principato, anche i binari sono stati dotati di lampade a basso consumo.