Alla fine di gennaio, Papa Francesco ha nominato padre Dominique-Marie David arcivescovo del Principato di Monaco. Succede a Monsignore Bernard Barsi, presente sulla Rocca dal 2000.

 

Domenica 8 marzo alle 15.30, nella Cattedrale dell’Immacolata Concezione nel Principato di Monaco, ha avuto luogo l’ordinazione episcopale dell’arcivescovo Dominique-Marie David, che succede all’attuale arcivescovo del Principato di Monaco, padre Bernard Barsi, in seguito alle sue dimissioni per la sua età avanzata.

Padre Dominique-Marie David diventa così l’arcivescovo di un paese dove il cattolicesimo è la religione ufficiale. È l’occasione per fare una piccola deviazione storica sui legami tra potere spirituale e temporale nel Principato.

 

Forte legame con la Chiesa 

L’articolo 9 della Costituzione monegasca sancisce il cattolicesimo come religione ufficiale, anche se l’articolo 23 della stessa Costituzione fa della difesa della libertà religiosa un punto d’onore. Tuttavia, il cattolicesimo è la religione di quasi l’83% dei monegaschi. Se il Principato non ha mai optato per la laicità alla francese, è perché le ragioni sono da ricercarsi nelle origini storiche del Principato di Monaco.

Lo Stato monegasco era una monarchia sotto la legge divina prima di diventare, dalla nuova Costituzione del 1962, una monarchia costituzionale ereditaria. Anche se i poteri spirituali e temporali sono accuratamente separati, i legami tra i due rimangono forti.

Infatti, anche se la Chiesa non ha il diritto di interferire nelle decisioni prese dal potere politico monegasco, sembrerebbe che la sua influenza sia una realtà. Alcuni hanno visto, in particolare nella tardiva depenalizzazione dell’aborto nella legge monegasca, un segno di questa influenza (l’aborto è stato parzialmente depenalizzato nel Principato di Monaco nel 2009).

Geplaatst door Monaco Tribune Italiano op Maandag 9 maart 2020

 

Alle origini del cattolicesimo 

La storia del rapporto tra la Chiesa e il potere monegasco non è né più né meno della storia dei Grimaldi stessi. Nel 1297, quando la dinastia dei Grimaldi si impadronì della Rocca, strinse rapidamente un forte legame con la Chiesa romana.

I guelfi – rappresentati dai Grimaldi – si schierarono rapidamente dalla parte del Papa. Per la nuova dinastia monegasca si trattava di proteggersi a sua volta dai suoi forti Stati vicini (il Sacro Impero germanico in particolare) ma anche di giustificare la legittimità degli stessi Grimaldi (il Principato era, all’epoca, una monarchia di diritto divino).

Nel 1751, il Principato ottenne l’indipendenza religiosa dal vescovado di Nizza (che si opponeva a esso) e fu così concluso un concordato, e il Principato dipendeva quindi direttamente dall’autorità papale. Nel 1887 è stata creata la Diocesi di Monaco, che è diventata arcidiocesi nel 1981.

 

La perpetuazione della tradizione 

Da allora, sulla Rocca sono state mantenute vive tradizioni secolari: Processione di Cristo morto, Corpus Domini, Festa della Santa Devozione (direttamente legate all’identità stessa dei monegaschi). Il matrimonio religioso del Principe testimonia anche l’importanza data al cattolicesimo, parte integrante dell'”anima monegasca” e, a maggior ragione, con essa, dell’anima monegasca.