Alcuni anni fa, dopo aver lasciato il suo lavoro nell’industria nel Principato di Monaco, nella mente di Thomas Capiten è germogliata un’idea folle: viaggiare in catamarano per i mari e gli oceani del mondo. Con il tempo, la spedizione di Thalas ha preso forma e si è trasformata in una vera e propria avventura familiare. Al di là della semplice sfida personale, il progetto vuole essere educativo, catalizzatore di un legame tra le giovani generazioni e l’ambiente marino, oggi fortemente minacciato.

 

Ad oggi hanno aderito all’iniziativa 750 scuole, 17 scuole di ingegneria e una decina di sponsor, tra cui la Fondazione Principe Alberto II di Monaco. Ciò che è iniziato come una goccia nell’oceano nella mente di un uomo potrebbe alla fine scatenare un’ondata di ispirazione e di cambiamento per la società nel suo complesso.

 

Abbiamo incontrato Thomas pochi giorni dopo il suo ritorno da Parigi, dove è stato invitato a presentare Thalas Océan davanti ai membri dell’Assemblea nazionale francese. Nonostante il contesto sociale e sanitario teso, il suo progetto ha ricevuto molto sostegno. Tra qualche settimana dovrebbe incontrare anche due ministri francesi. Sebbene Thomas rimanga molto fiducioso e ottimista per la realizzazione di Thalas, che dovrebbe partire dal Principato di Monaco a settembre, è ancora alla ricerca di un partner bancario. Quest’ultima indispensabile leva gli permetterà, accompagnato dalla moglie e dalle loro due figlie, di issare le vele per una spedizione che durerà cinque anni.

 

Lei è appena tornato da Parigi dove ha potuto incontrare i funzionari eletti e presentare loro Thalas. È preoccupato per il contesto sociale ed economico? Potrebbe avere un impatto sul progetto?

Sì, è vero che il contesto mi preoccupa, ma in ogni caso sono naturalmente preoccupato (ride). Quando ho iniziato il lavoro di raccolta fondi nel luglio dell’anno scorso, ho scoperto dopo quattro mesi che avevo difficoltà a farmi ascoltare. Ora siamo molto in ritardo perché siamo ancora a corto di fondi, quindi l’inizio è stato rimandato a settembre. Comunque non è male, tutt’altro, ma un progetto come questo è sempre complicato da realizzare.

Sono molto attento all’attualità, soprattutto se le borse di studio vengono assegnate. Con Thalas, abbiamo scelto di contattare grandi aziende per diventare partner. Spesso si affermano nel settore dell’energia, noto come settore inquinante.

Includendole nell’avventura, si tratta di dar loro voce, in modo che possano difendersi dagli attacchi a cui sono regolarmente sottoposte. Non è criticando costantemente che si può costruire qualcosa. Collegandole con Thalas, possiamo dimostrare che una grande azienda può impegnarsi in una spedizione ambientale. Tanto più che, in questo settore, sono stati fatti molti sforzi, come vere e proprie campagne di investimento nelle energie alternative e rinnovabili.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=AJzbRomeLBM&w=1158&h=558]

 

Come sintetizzereste l’obiettivo ambientale di Thalas?

Concretamente, l’obiettivo di Thalas è quello di incontrare gli “eroi”, coloro che agiscono a livello locale, e valorizzarli mostrandoli ad un pubblico che può ancora essere sensibilizzato alle tematiche ambientali. D’altra parte, vogliamo fornire loro un supporto logistico e ingegneristico per consentire loro di innovare e ampliare il loro campo d’azione.

Questi eroi sono un punto cardine che aiuterà i bambini a capire la meccanica dell’oceano e a capire che tutto ciò che è legato all’ambiente è strettamente o lontanamente legato all’oceano.

Vorrei creare sinergie e dialogo tra attori che non si parlano, per valorizzare le buone azioni. Non è per dire che tutto va bene, ma per evitare di sentirsi in colpa. Evidenziare le persone che agiscono significa anche dare l’opportunità di imitarle o di dare loro un piccolo aiuto.

Oggi siamo a un punto di svolta. O conserviamo il nostro pianeta e distruggiamo l’economia attuale, oppure cambiamo economia e forse possiamo trovare una via di mezzo.

 

Da dove prende Lei questo gusto per l’oceano?

Sono cresciuto a Cherbourg, in Normandia. La mia famiglia possedeva un cantiere navale e mio nonno aveva una barca. Fin da quando ero un ragazzino sono uscito in acqua. Quando ero adolescente andavo in motorino fino al bordo dell’oceano per ascoltare musica e guardare le onde per ore. Ho sempre vissuto vicino all’oceano, è sempre stata una necessità averlo vicino a me. È molto difficile da spiegare. Ha sempre fatto parte della mia vita. Anche quando sono in campagna lo cerco ovunque.

 

Prima di Thalas, Lei ha lavorato nel campo dell’import/export e dell’industria. Perché ha lasciato il suo lavoro?

Ho avuto due rivelazioni. La prima, poco meno di dieci anni fa, quando ero in Gabon come parte della mia attività. Ho attraversato Port-Gentil, una città molto inquinata e anarchica, prima di trovarmi di fronte alla foresta tropicale. Natura pura e cruda. Ma un po’ più avanti non c’era più la foresta, solo grandi macchine che abbattevano tutti gli alberi. In quel momento mi sono detto che facevo parte di questa tragedia. Mi sono trovato di fronte a un problema morale, che mi ha spinto a cambiare la mia attività.

I miei figli sono stati la seconda rivelazione. Mi hanno aiutato a scegliere. Le mie figlie hanno quattro e otto anni e devo fare qualcosa. Non posso cambiare il mondo per loro, ma non posso nemmeno restare in una forma di inerzia. E se continuiamo così, il loro mondo è rovinato.

È così che ho iniziato il progetto, pensando che la tecnologia e i social network fossero nostri alleati nel mostrare soluzioni ai bambini. Dopo aver lanciato un appello, alcune scuole si sono unite al progetto. Ora abbiamo quasi 750 scuole in 35 paesi diversi.

thalas carte du parcours

Il percorso della spedizione

Ha paura di ciò che troverete, in termini di impatto dell’attività umana sull’oceano, durante la spedizione?

So cosa aspettarmi, ma è il contrario che mi spaventa. Non si vede che un pesce è avvelenato dalla plastica, né che aspetto ha il corallo prima che sbianchi. Ho paura che tutto sia bello. Se non trovo qualcosa di abbastanza chiaro, temo che non sarò in grado di giustificare il mio messaggio. E se l’inquinamento è così evidente, sarà ancora più difficile per me capire perché non agiamo.

 

Come saprà che Thalas è stato un successo?

La consapevolezza non può essere misurata a breve termine. L’unica quantificazione possibile sarà attraverso il numero di visualizzazioni e interazioni, ma gli effetti reali non sono quantificabili. Faremo parte di un movimento, vorrei che Thalas diventasse un’etichetta e non solo la nostra spedizione. Thalas deve diventare un’idea, perché nulla può distruggere le idee, ma possono ispirare altre iniziative.