Con la pandemia del Covid-19 e la quarantena adottata per tentare il rallentamento della sua diffusione, numerosi settori di attività sono ad un punto morto. È il caso degli eventi e del mondo dei matrimoni.

“Guardo il lato positivo ovunque”. Ed è necessario essere ottimisti in questo periodo! Al telefono si sente Elodie Villemus combattiva. “Quando è stata annunciata la quarantena, con la chiusura degli esercizi commerciali, avremmo dovuto vedere l’inizio della stagione dei matrimoni, ma è avvenuto tutto molto in fretta”, sorride. Wedding-planner da 12 anni, la giovane donna dirige oggi la prima rete di organizzazione di matrimoni in Francia e in Europa, una delle quali ha sede in Costa Azzurra.

È un po’ un anno al contrario

Ha dovuto riconsiderare i sette matrimoni previsti quest’anno. “Uno di questi è stato sfortunatamente annullato durante la quarantena…Un altro è stato rimandato ad aprile 2021 mentre gli altri cinque si svolgeranno a fine anno”, evitando così il temuto anno bianco in questo settore. “In circostanze normali, rientriamo nel fatturato durante la stagione estiva e si verifica un turnover. Abbiamo trascorso un bel 2019, permettendoci di tenere duro. È un po’ un anno al contrario” spiega colei che è diventata esperta di matrimoni nel programma di TF1 “4 matrimoni per una luna di miele”. Un’attività scaglionata che permetterà di dare una mano ai fornitori anch’essi colpiti dalla crisi sanitaria del Coronavirus, ma anche di non creare sovrapposizioni con i matrimoni già previsti per il 2021.

View this post on Instagram

Une saison un peu différente s'annonce…surement moins de soleil, de monde et de chaleur… Mais l'amour sera toujours là. C'est certain. Et la fête n’en sera que meilleure. … A slightly different wedding season is coming … surely less sun, people and heat … But love will always be there. For sure. And the party will be the best we could have imagined. … SERVICE : Luxury Wedding Planner Service by @elodie_villemus_weddings @elodievillemus Wedding Planning : @elodie_villemus_weddings @elodievillemus Photo : @peterandveronika Video : @chromata_films_weddings … #frenchweddingindustry #elodievillemusweddings #elodievillemus #weddingplanner #frenchwedding #frenchweddingstyle #destinationweddingplanner

A post shared by Elodie Villemus Wedding (@elodie_villemus_weddings) on

Molte domande e incertezze da affrontare

Tuttavia, non è il caso di tutte le unioni. Secondo uno studio condotto a inizio maggio da lesitedumariage.com con 2920 persone, il 60% delle coppie che avevano previsto di unirsi in matrimonio tra giugno e agosto hanno rimandato il loro matrimonio al prossimo anno. Ma non è ancora tutto deciso. Sempre secondo questo stesso sondaggio, il 20% dei futuri sposi non ha ancora deciso e la metà degli intervistati che hanno organizzato un matrimonio ad agosto sta ancora pensando di pronunciare il fatidico sì. Per gli sposi di questa estate, ci sono ancora molte domande e incertezze da affrontare. Quanti invitati saranno ammessi? Una sedia ogni due dovrà essere lasciata libera durante la cerimonia o il pranzo? Gli sposi dovranno evitare di salutare o baciare i loro ospiti? Sarà richiesto a tutti di indossare una mascherina?

“Senza wedding planner si sentono un po’ persi”

Molte domande che potrebbero trovare risposta il 2 giugno, e lo stress per gli sposi del Coronavirus. Situazione delicata anche per coloro che hanno optato per il rinvio delle nozze. Non è sempre facile dover far coincidere tutto, soprattutto quando la programmazione del prossimo anno è già a buon punto per i fornitori.

Elodie Villemus è preoccupata da ormai alcune settimane. Riceve, infatti, numerosi messaggi da parte dei futuri sposi senza wedding planner che si ritrovano a dover gestire tutti i rinvii. “Senza wedding planner si sentono un po’ persi, si sono resi conto che questo mestiere è essenziale. Sono costretti a trovare delle soluzioni da soli, a volte può risultare difficile, possono verificarsi contrasti con i fornitori”.

Per i futuri sposi della wedding planner, si tratta ora di riscrivere la storia. “Ci si sposa in modo diverso a fine anno, quindi ci si adatta. Puntiamo ormai a atmosfere più accoglienti, cambiamo i colori delle decorazioni, poiché non è più la stessa stagione e quindi non è affatto la stessa atmosfera”. Ma alla fine per tutti noi deve rimanere una sola idea: il matrimonio, nel bene e nel male!