Pubblicità »
Notizia

La costa azzurra in bicicletta: un percorso unico

Café du Cycliste Nice
Café du Cycliste

Non è difficile da immaginare. In sella alla sua bici, percorrendo i passi sopra Nizza o percorrendo le strade la capitale della Costa Azzurra e Monaco. Lo sguardo, a volte concentrato sullo sforzo e spesso perso in lontananza, verso il Mediterraneo.

Remi Clermont è un appassionato di bicicletta, così tanto che vi ha dedicato la sua attività professionale, da quando nel 2010 ha istituito il Caffè del ciclista, una marca di abbigliamento per ciclisti, ma oggi anche un concept store situato nel porto di Nizza.

Pubblicità

Alla scoperta di Remi Clermont

Non è originario della regione. Ma ne conosce gli angoli come se fosse un nativo. Remi Clermont è nato in Alsazia ed è arrivato nelle Alpi Marittime per lavoro, 15 anni fa. In seguito ha lavorato nel settore marketing in un’azienda informatica a Sofia-Antipolis. “Una delle cose magiche della bici è che è uno strumento sociale piuttosto figo. Quando si arriva in una regione e in un’azienda, si inizia ad andare in bici con i colleghi e in questo modo si scopre la regione. Dopo un anno, conoscevo tutti i paesi!”

Bisogna dire che il ciclismo nei Clermont si trasmette di generazione in generazione. “Mio padre è un medico e un appassionato di bici. Quando ero piccolo, quando andava a lavoro indossava i suoi abiti da medico e quando andava in bici avevo l’impressione che si travestisse, che diventasse un’altra persona con i vestiti da ciclista”, ricorda l’imprenditore. È nata così una vocazione. Oggi, Remi accompagna suo figlio di 9 anni a scuola tutte le mattine, ovviamente in bici, percorrendo la Promenade des Anglais: “Di tanto in tanto gli ricordo che non tutti i bambini hanno questa fortuna!” sorride.

https://www.instagram.com/p/CBr7D6Lji0k/?utm_source=ig_web_copy_link

Alpi marittime: una regione ideale per i ciclisti professionisti

Una fortuna. Così potrebbe descrivere la vita nella regione come ciclista. Sono, infatti, numerosi i vantaggi di vivere nelle Alpi marittime per il ciclismo. “Il primo, prima ancora delle condizioni metereologiche, riguarda la varietà dei percorsi. Abbiamo un terreno unico tra il mare e il percorso della Baumette, vi sono 150 km tra i due, e ci ritroviamo in una cartolina idilliaca con le palme che tutti conoscono, e il Col de Turini o il Col de la Madone… il terreno è il vantaggio numero 1”. Remi Clermont riconosce anche le belle strade, con poco traffico quando ci si allontana dal mare. “Non è la regione fisicamente più facile, perché diventa subito collinare o addirittura montuosa, ma è l’ideale per i ciclisti!”

Pubblicità »

E quando gli viene chiesto quali siano i percorsi migliori da percorrere, esita. “Ce ne sono tanti”, replica. “Quello che facciamo tra mezzogiorno e le due con i miei colleghi, è il nostro classico. Percorriamo le sporgenze da Nizza a Monaco, le opzioni sono illimitate e non ci stanchiamo mai, sia in estate che in inverno, con un effetto solarium sulle sporgenze, è meraviglioso. Ma c’è anche il Col d’Eze, dove da Sospel, porta d’entrata a tutti i passi, ci si può dirigere verso il Col de Castillon, tra Sospel e Monaco, il Col de Turini o quello de la Madone da Menton con una spettacolare vista sul mare”.

Ma anche per i dilettanti!

Parlandoci di paesaggi e di sole, Remi Clermont ci invoglierebbe ad affrontare il Tour de France. Ma l’evocazione di tutti questi passi calma il nostro ardore dilettantistico. Per fortuna, ci dà una buona notizia: “Ma si può andare in bici sulla Costa Azzurra senza percorrere tutti questi passi! Si può passare attraverso la sporgenza centrale per andare a Eze senza salire necessariamente a la Turbie. E poi tra Nizza e l’Italia c’è una bella pista ciclabile, che costeggia il mare, senza pericoli, e che permette di fermarsi di tanto in tanto a mangiare un gelato o a prendere un caffè”.

Questo è il vantaggio della nostra regione: ci sono cose da fare e scoprire al di fuori del ciclismo. “Non si viene qui solo per andare in bici. E sono pochi i luoghi che combinano tutti questi vantaggi: paesaggi bellissimi, dove si può pedalare tutto l’anno grazie a condizioni metereologiche ottimali, e scoprire altre cose. Ci si rende conto che luoghi come la Costa Azzurra non sono molti al mondo”. Questo è quanto.

Claire Guillou

Pubblicità »