Tra prevenzione e sanzioni, come arginare il problema dell’alcol al volante?

Primo dei crimini trattati al Tribunal Correctionnel di Monaco, i reati per “guida in stato di ebbrezza” sono sovrarappresentati. In un luogo di festa come Monaco, la guida in stato di ebbrezza è un fenomeno che colpisce sia i giovani festaioli che le forze dell’ordine. L’entità è tale sulla Rocca che Camille Gottlieb, figlia minore della Principessa Stephanie, ha deciso di affrontarla attraverso Be Safe, un’associazione civile di prevenzione avviata nel 2017. Dal canto suo, il sistema giudiziario monegasco si è arricchito di una più ampia gamma di possibili sanzioni penali. Tra prevenzione e sanzioni, il Principato si occupa degli eccessi del piacere etilico al volante.

La fine del lockdown e il grande ritorno dell’alcol al volante

Non ci è voluto molto perché la fine del lockdown facesse sì che alcuni residenti monegaschi riprendessero le loro cattive abitudini. Le udienze di rientro del Tribunal correctionnel di Monaco hanno così riservato un buon posto ai casi di guida in stato di ebbrezza; si vedono, ad esempio, un ciclista ubriaco, un croupier recidivo, ma anche un avvocato difensore degli imputati nei casi famosi. A Monaco, le guide in stato di ebbrezza riguardano i turisti, i ricchi residenti, ma anche personaggi pubblici. Con l’abolizione del lockdown e l’arrivo dell’estate, riprende la lotta contro la guida in stato di ebbrezza.

In occasione della cerimonia tradizionale dei voti di pubblica Sicurezza a gennaio, il Ministro dell’Interno Patrice Cellario ha fatto una panoramica della delinquenza nel Principato. Sul fronte della delinquenza stradale i numeri sono in aumento: + 10% di reati di guida in stato di ebbrezza, + 42% di ubriachezza molesta rispetto allo scorso anno. Quanto ai numeri post lockdown, tra il 4 maggio, data di inizio del lockdown, e il 16 giugno, sei procedimenti per guida in stato di ebbrezza sono stati gestiti dalla pubblica Sicurezza. “Per lo stesso periodo nel 2019, sono stati avviati 8 procedimenti dal capo della CEEA” ha precisato il Governo principesco. Mentre “non ci sono stati rallentamenti o traboccamenti dopo questo periodo molto restrittivo”, è probabile che la situazione cambi con le aperture dei locali notturni. Da qui la necessità di prevenire un problema che anche molti paesi devono affrontare: ad esempio, la guida in stato di ebbrezza è responsabile di un terzo degli incidenti mortali in Francia.

Le politiche coerenti con i paesi vicini

In un rapporto pubblicato nel 2018, l’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS) osserva che il limite di alcolemia nel sangue a Monaco è uno dei più severi al mondo, con una soglia di alcolemia limitata a 0,5 g di alcol per litro di sangue. Lo stesso vale per i suoi vicini italiani e francesi.

In Francia, da marzo 2019, il prefetto può richiedere all’imputato di usare un veicolo dotato di un dispositivo di blocco dell’accensione ad alcolici (EAD) per almeno sei mesi. Il Tribunal Correctionnel può prolungare in seguito questo obbligo fino a cinque anni. Questa misura è un’alternativa alla sospensione della patente  e consente così al trasgressore di continuare la sua attività professionale. Tuttavia, quest’ultima non è applicabile ai trasgressori recidivi e ai trasgressori con un tasso di alcolemia superiore a 0.8g/L nel sangue, a cui è stata sospesa o annullata la patente.

A novembre 2019, il ministro dell’Agricoltura Didier Guillaume si è dichiarato addirittura favorevole alla tolleranza zero in materia di guida in stato di ebbrezza. Una dichiarazione che è stata tuttavia sminuita dall’ufficio del primo ministro, che ha assicurato che una tale riduzione non era stata presa in considerazione dal governo francese.

Le azioni di prevenzione al centro della lotta

Come stanno reagendo le diverse istituzioni monegasche per arginare questo problema? Interrogato riguardo questo argomento, il Governo principesco ha assicurato che la lotta contro la guida in stato di ebbrezza rappresenta una delle sue priorità. Gli agenti di polizia sul posto “rimangono particolarmente vigili” e effettuano controlli sistemici quando la situazione lo consente: ovvero, durante i controlli dei conducenti che presentano segni di ubriachezza ma anche dopo un incidente stradale. Quando il tasso di alcolemia è superiore al limite legale, il trasgressore è soggetto ad un procedimento trasmesso alla Procura generale.

Oggi, il nostro compito è quello di portare avanti un’azione di prevenzione per quanto riguarda il consumo di alcol.

Patrice Cellario, Consigliere del Governo- Ministro dell’Interno

Anche se il Principato di Monaco è in festa tutto l’anno, l’estate è una stagione particolarmente prolifica per il consumo di alcol: molte sono le sere in cui le bevande alcoliche scorrono a fiumi. Così “la pubblica Sicurezza porta avanti quotidianamente azioni di prevenzione in prossimità di locali notturni, in particolare durante i weekend, i giorni festivi, il periodo estivo ed eventi importanti” aggiunge il Governo del Principato.

Oggi, il nostro compito è di portare avanti un’azione di prevenzione per quanto riguarda il consumo di alcol” aveva dichiarato Patrice Cellario a Monaco Matin ad agosto 2019. Una prevenzione che conta molto sulle responsabilità di ognuno. Questo si traduce, ad esempio, con la nomina di un capitano di serata che non beve e porta a casa gli altri. In questa intervista, il consigliere-ministro dell’Interno aveva anche insistito sulle facilità di spostamento nella Rocca, a piedi o con i mezzi pubblici.

La risposta penale: verso l’ammorbidimento o l’indurimento?

Ma concretamente, a cosa si espongono i conducenti sorpresi a guidare sotto l’influenza dell’alcol? Abbiamo posto la domanda a Thomas Brezzo, avvocato al Tribunale di Monaco e consigliere nazionale. La guida in stato di ebbrezza può comportare la sospensione della patente fino a due anni, una pena che può arrivare fino a quattro anni se lo stato di ebbrezza è provato nella condanna. In confronto, nel diritto francese, il reato per guida in stato di ebbrezza può essere punito con una pena detentiva fino a due anni di reclusione e una multa di 4.500€. Possono anche essere applicate sanzioni complementari: sospensione o addirittura l’annullamento della patente per un massimo di tre anni (con l’impossibilità di richiedere una nuova patente), divieto di guidare determinati veicoli per un massimo di cinque anni, una multa di un giorno o un corso di sensibilizzazione alla sicurezza stradale.

Pertanto, il testo prevedel’abolizione della pena detentiva per le infrazioni, l’introduzione della pena detentiva giornaliera e l’introduzione del servizio civile”. Gli adeguamenti della sentenza terranno ora conto della situazione familiare, sociale, medica e della “personalità” del condannato. Questo significa che l’arsenale legale monegasco sarà più lassista? Brezzo spiega: i giudici hanno una gamma più ampia di sentenze, ma non meno severe. Se la prima volta la condanna può sembrare leggera, rimane una vera e propria spada di Damocle che pesa sui recidivi. Così, la seconda condanna implica l’obbligo di curarsi e la terza condanna conduce l’imputato direttamente dietro le sbarre.

In ogni caso, i casi di guida in stato di ebbrezza sono trattati al Palazzo di Giustizia poiché rappresentano quattro casi su dieci. Questo sarebbe anche il primo reato trattato dal Tribunal Correctionnel nei casi di reati di droga e di furto e di ricettazione.

L’impegno delle associazioni per la buona condotta al volante

Anche le associazioni sono coinvolte nella lotta contro la guida in stato di ebbrezza. È il caso di Be Safe, un’associazione istituita da cinque amici, tra cui Camille Gottlieb, figlia minore della principessa Stephanie. Istituita nel 2017, Be Safe si impegna nella prevenzione e sensibilizzazione di fronte ai pericoli dell’alcol al volante, in particolare tra giovani e i loro genitori. È un progetto di pubblica utilità nato dopo un dramma, ovvero la morte di un amico di Camille Gottlieb in un incidente stradale. Il dramma è avvenuto dopo una serata di ubriachezza, nell’estate 2017. “Dopo questa evento, abbiamo deciso di unirci per agire dicendo che non era possibile, che bisognava far qualcosa”, ha spiegato Camille Gottlieb in un’intervista a Monaco Matin.

Questo 18 giugno, il sindaco di Monaco George Marsan ha accolto cinque membri dell’organizzazione monegasca per donare loro un veicolo a otto posti. “Sono sicuro che questo veicolo sarà utilizzato adeguatamente e spero sinceramente che vi aiuterà a perpetuare il sistema di navetta in modo che giovani e anziani possano tornare a casa sani e salvi da loro stessi e dagli altri dopo una notte a volte troppo alcolica”, ha detto il sindaco in un discorso.

Per portare avanti la sua missione, Be Safe propone diversi servizi: cioè, la fornitura di etilometri nei bar e nei locali notturni del Principato, nonché navette gratuite per accompagnare i più ubriachi a casa. Al momento, questo dispositivo di trasporto è disponibile durante la stagione estiva nel settore di Porto d’Ercole. “La posta in gioco di questa causa è molto importante poiché siamo responsabili delle persone che salgono sulle navette, ma non costringiamo nessuno a salire” spiega Be Safe. “Non vogliamo impedire a nessuno di bere ma vogliamo solo che i nostri ragazzi e il loro entourage si pongano le domande giuste all’uscita di una discoteca, di una serata alcolica”.

Vogliamo fare del Principato un esempio

L’associazione Be Safe Monaco

Nell’avere una figura pubblica come Camille Gottlieb a capo dell’associazione, Be Safe può beneficiare di un’eco che va oltre il Principato: “Grazie alle sue conoscenze e ai suoi contatti abbiamo potuto ottenere il sostegno di diversi influencer francesi che sono interessati a questa causa e vogliono anche sensibilizzare le rispettive comunità sui pericoli dell’alcol e della guida».

Il problema della guida in stato di ebbrezza è ancora lontano dall’essere arginato: è difficile dire che sia possibile garantire il 100% di sicurezza, anche nel Principato. Tuttavia, il Principato vuole in ogni caso lavorare su questo tema. E in questo lavoro non sarà da solo: la società civile, sotto forma di associazioni come Be Safe, intende aiutare. “Vogliamo fare del Principato un esempio, un riferimento nella sensibilizzazione ai pericoli della guida in stato di ebbrezza“, afferma.