Il 23 febbraio, Zhang Zhang, violinista dell’Orchestra filarmonica di Monte-Carlo, ha risposto alle accuse di discriminazione nei confronti delle orchestre filarmoniche, in particolare a quelle del musicista Ibrahim Maalouf.

È iniziato tutto il 1° gennaio 2021, quando il trombettista Ibrahim Maalouf ha scritto un tweet rivolto all’Orchestra filarmonica di Vienna accusandola di una “scarsa diversità etnica”. Zhang Zhang ha risposto al tweet dando vita a un acceso dibattito.

Il musicista che ha dato vita alla polemica è poi stato invitato dal programma televisivo francese “C à Vous” per discutere della questione. La prima violinista dell’Orchestra filarmonica di Monte-Carlo, invece, non aveva ancora avuto l’occasione di condividere la sua versione con il pubblico francese.

La risposta di Zhang Zhang

La risposta della violinista di fama internazionale arriva tra le pagine del Le Figaro. Comincia ricordando che durante le audizioni c’è un separé che divide la giuria dal candidato e che quindi “gli artisti vengono scelti per la loro musica, [non] per il colore della pelle, il sesso o l’etnia”. La giuria quindi non vede, ma si accontenta semplicemente di ascoltare.

Zhang Zhang prosegue elogiando la musica classica, che riunisce ed emoziona gli esseri umani di tutto il mondo. La violinista, che è anche a capo di un ente benefico chiamato ZhangomusiQ, conclude la sua dichiarazione invitando Ibrahim Maalouf a “lasciare fuori l’arte dalle squallide manovre politiche”.