In occasione di una conferenza stampa tenutasi il 24 febbraio, il Governo monegasco ha annunciato che il Principato non entrerà in lockdown durante il fine settimana, al contrario dei vicini francesi.

All’indomani dell’annuncio del lockdown nel dipartimento delle Alpi Marittime per i prossimi due fine settimana, Monaco ha scelto ancora una volta di seguire la sua strada. Non ci sarà nessun cambiamento per i residenti monegaschi, come ha annunciato il ministro di Stato Pierre Dartout.

Al momento, c’è ancora una domanda a cui i monegaschi non sanno dare risposta: è possibile spostarsi liberamente nei comuni limitrofi? Monaco è ancora in attesa di istruzioni precise dalle autorità francesi a riguardo, ma sicuramente i cittadini dovranno rispettare la regola dei 30 chilometri tuttora in vigore.

Maggiori controlli

Solidale con la Francia, il Governo del principe ha annunciato un’intensificazione dei controlli alla frontiera, “sulle strade, alla stazione e anche all’eliporto”, ha dichiarato Patrice Cellario, consigliere-ministro degli interni. I controlli saranno sistematici nei prossimi due week end e mirati nel resto della settimana.

Pierre Dartout ci ha tenuto a sottolineare che questa intensificazione mira ad “assicurare che non ci siano eccezioni alla regola” e ricorda, inoltre, che per rientrare sul territorio è necessario presentare un test PCR negativo, fatta eccezione per i lavoratori, gli studenti e gli abitanti del dipartimento delle Alpi Marittime e del Var che entrano nel Principato per 24 ore.

Verde/Monaco – Blu/Francia – Rosso/Alpi-Marittime © Governo del principe