Che ne pensate del nuovo complesso balneare del Larvotto? Siete stati in tantissimi a commentare il nostro gruppo e la nostra pagina Facebook. La nuova spiaggia sembra soddisfare tutti i gusti.

Un complesso bello e moderno

La maggior parte di voi sembra soddisfatta da questi cambiamenti. Come Christine, secondo cui “il concept della nuova spiaggia [è] molto bello e spazioso”. Marie-Hélène, invece, ha condiviso l’impazienza di rivedere aprire i suoi ristoranti preferiti: “Molto più puliti e quindi più piacevoli di prima, anche se alcune aperture di negozi e ristoranti si fanno attendere”.

Tra i ristoranti che hanno già aperto c’è La Note Bleue. Sylvain, che lavora nel locale, condivide la sua gioia: “Siamo contenti di essere tornati. Eravamo preoccupati a riguardo, ma siamo felicissimi di esserci. Prima lo adoravamo, e ora che ci stiamo abituando alle novità ci piace molto!”

È un vero peccato per le famiglie

Tutti questi cambiamenti portano con loro delle scelte. Il campo di pallavolo, per esempio, è stato eliminato. Fiona ha espresso un leggero disappunto: “i ristoranti prima avevano spazi dedicati ai bambini che ora sono scomparsi! È un vero peccato per le famiglie. Per il resto, è molto bello e moderno”.

I cambiamenti non sono certo passati inosservati dagli habitué come Lydia, studentessa di lingue a Nizza, con cui abbiamo fatto due chiacchiere sulla spiaggia. “Ho molti ricordi al Larvotto, quindi mi dispiace un po’ non riconoscere il posto, ha perso un po’ la sua natura e la sua vivacità. Ma è comunque una spiaggia moderna in linea con Monaco”.

Travel Club Monaco
larvotto-palazzo-principe
© Palazzo del principe di Monaco

Troppo cemento e poca ombra

Ghislaine ha riassunto il suo pensiero in un commento: “Troppo cemento per me”. Ed è la critica più diffusa. “È più moderno e sicuramente è un bene per i ristoranti, ma è difficile trovare l’ombra per passeggiare sulla spazio in cemento. Non è molto piacevole per le famiglie. Avevano la possibilità di fare uno spazio veramente innovativo, per me non ci sono riusciti”, scrive Serena sul nostro gruppo Facebook.

I prezzi delle spiagge private sono davvero eccessivi

Un pensiero condiviso anche da Marie-Hélène: “non c’è molto spazio all’ombra sulle spiagge pubbliche”. Secondo Alex, invece, “manca assolutamente il verde, non c’è neanche un albero. Nel vialetto in basso, ci saranno forse 20 cm d’ombra verso le 11:30, è impossibile ripararsi dal sole durante la giornata, è un peccato. A parte questo, è riuscito bene, la spiaggia è più grande e più accessibile di prima.”

Tra gli altri problemi riscontrati da alcuni, Karine sottolinea “l’assenza di docce (ieri non funzionavano!!)”. Céline, invece, spiega che “sarebbe utile avere delle insegne che risaltano agli occhi all’esterno dei negozi, perché ci si perde un po’ senza sapere cosa è dove quando si è nel vialetto”. Infine, secondo Alex, “i prezzi delle spiagge private sono davvero eccessivi, 30/40€ per una sdraio per mezza giornata…”

Si ha l’impressione di sdraiarsi in una lettiera per gatti e si esce tutti bianchi

larvotto-palazzo-principe
© Palazzo del Principe di Monaco

Una spiaggia non fumatori dolorosa sotto i piedi

Proprio come Céline, diverse persone sono sorprese di rivedere la ghiaia. “Visto che non è ancora levigata dal tempo, né particolarmente compressa, fa malissimo ai piedi”. Secondo l’utente Cpags Pags: “ne avrebbero dovuto approfittare per mettere della vera sabbia o qualcos’altro, invece dei sassolini bianchi. Da sdraiati, si ha l’impressione di essere in una lettiera per gatti e se ne esce tutti bianchi. Dà la sensazione di sporcizia”. Dall’altro lato, Christine sottolinea che “lo spazio balneare è molto piacevole e si può nuotare tranquillamente! L’unico problema è la ghiaia, che effettivamente poteva essere rimpiazzata con della sabbia fine! Per il resto, mi piace molto!”

La grande novità del complesso è che la spiaggia è diventata non fumatori. La decisione rientra nell’iniziativa “Monaco Zéro Mégot” (Monaco zero mozziconi). Secondo Christine, “lo spazio non fumatori è perfetto. Ora bisogna vedere se verrà usato per fumare!” Secondo Marie-Hélène, qualcuno ha già infranto le regole: “Quello che non sopporto sono i fumatori nelle spiagge private (così come i cani), potremmo fare, per esempio, una parte di spiaggia privata per fumatori e l’altra per non fumatori, per rispettare tutti…”