Dal 13 al 15 maggio si terrà l’asta “Les Grandes Marques à Monaco“, organizzata da Bonhams. I modelli in vendita, una decina, sono esposti all’Hotel Fairmont Monte-Carlo. La redazione di Monaco Tribune ha fatto una selezione per voi: ecco cinque auto incredibili in vendita questo week end.

1988 – Porsche 959 Komfort

È uno dei 292 modelli costruiti all’epoca. Ideata nei primi anni ’80, la produzione di quest’auto si è fatta presto limitata. Esistono due versioni, “Sport” e “Komfort”, che si differenziano soprattutto per gli interni. Ai tempi dell’uscita, era l’auto più veloce del mondo (almeno tra quelle prodotte legalmente). Nel 1986, René Metge e Dominique Lemoyne vincono il Rally Parigi-Dakar proprio a bordo di una Porsche 959. Prezzo stimato: 1,4M€ – 1,6M€.

LEGGI ANCHE: Torna il Salone Top Marques: auto rare e di lusso in vendita

1970 – Jaguar E-TYPE SERIE II 4.2 LITRI ROADSTER

Quest’auto appartiene ad Alfred “Fredy” Zurbrügg. Se il nome non vi dice niente, quello del suo vecchio proprietario potrebbe non lasciarvi indifferenti. Durante le riprese del film Le Mans, uscito nel 1971, la star internazionale Steve McQueen propose a uno dei suoi cuochi sul set di scegliere un’automobile. Alfred “Fredy” Zurbrügg rispose: “Non ho la patente”. Dopo le insistenze di Steve McQueen, Fredy scelse tra le vetture acquistate per realizzare il film una Jaguar. 52 anni dopo, eccola qui in vendita come nuova. Prezzo stimato: 250.000€ – 350.000€.

1927 – Bugatti TYPE 35 B

Senza dubbio l’auto più cara proposta in quest’asta. Diversa dai modelli contemporanei, questa Bugatti quasi centenaria è stata a turno di una decina di proprietari, dalla Francia al Regno Unito, passando da diversi circuiti di corsa. In effetti, la Bugatti Type 35 è proprio un’auto da corsa. Detiene più di duemila vittorie in competizione, conquistate con diversi modelli: Type 35, 35A, 35C, 35T, 35B, 37, 37A, 39 e 39A. Prezzo stimato : 2M€ – 3M€.

1965 – Ferrari 275 GTS

Un’auto dal fascino quasi aggressivo. A metà anni ’60, la Ferrari decise di evidenziare l’aspetto più lussuoso delle sue vetture. La 275 GTS è dotata di sedili ampi e confortevoli, oltre che di un cruscotto in legno verniciato. Alla guida di questo modello ricordiamo Jean-Pierre Beltoise, vincitore del Gran Premio di Monaco nel 1972. Prezzo stimato: 1,2M€ – 1,6M€.

2016 – Porsche 911 R TYPE 991 Coupé

Quest’ultima auto è più recente e sicuramente vi sarà più familiare. Una bella Porsche 911, un grande “classico”. Di questo modello in particolare, il 911 R, ne sono stati prodotti 991 esemplari (questo è il numero 532). Rispetto al suo predecessore, il GT3, questo è dotato di un nuovissimo cambio manuale. Porsche ha deciso di proporre e vendere ognuno dei modelli prodotti ai suoi “clienti preferiti”, lasciando parecchi scontenti. Prezzo stimato: 300.000€ – 400.000€

Vendita all’asta, istruzioni per l’uso

Le vendite all’asta sembrano sempre un sogno, ma come funzionano esattamente?

“L’asta parte solitamente dal 50 o 60% del prezzo originale del veicolo”, ci spiega Paul Darvill, direttore vendite per l’Europa di Bonhams. I prezzi salgono a poco a poco, secondo le offerte e secondo una scala precisa. Per delle auto con questi costi, il banditore fa “aumentare” le offerte di 10.000€ in 10.000€. “Una vendita all’asta è anche un evento, uno spettacolo […] Se qualcuno vincesse con una sola offerta altissima non sarebbe interessante” spiega Paul Darvill. Alcune auto, inoltre, hanno un prezzo minimo e se non lo raggiungono non vengono vendute. Quelle che non ce l’hanno dovranno essere vendute, e lo saranno, a qualsiasi prezzo.

Partecipazione e pagamento

Per poter fare un’offerta, bisogna iscriversi in anticipo. Carta d’identità, indirizzo, a volte una lettera della banca per accettarsi dei fondi disponibili: le verifiche effettuate sui potenziali acquirenti possono essere molto scrupolose. Una volta iscritti, si può partecipare direttamente in sala, per telefono, su internet o ancora tramite offerta scritta. Attenzione, se vi aggiudicate un’auto per 400.000€, dovrete aggiungere il 15% di commissioni per l’organizzatore, in questo caso Bonhams. A seconda del tipo di lotto, potrebbero anche esserci delle tasse.