Pubblicità »
Info pratiche

Cosa aspettarsi da un viaggio sul treno notturno Parigi-Nizza?

treno notturno parigi nizza
L'ex primo ministro Jean Castex in visita su un treno notturno © Twitter / JeanCASTEX

Il treno notturno Nizza-Parigi ha fatto il suo attesissimo ritorno sui binari a maggio del 2021. Monaco Tribune ha testato l’itinerario per valutare se questo viaggio in seconda classe meritasse davvero! Ecco cosa aspettarsi dalle 12 ore passate sui binari…

Partenza dalla stazione di Parigi-Austerlitz alle 20:52: il primo vantaggio della scelta di questo mezzo di trasporto è proprio il risparmio di tempo. Infatti, se volete avere più tempo a disposizione per rilassarvi tra i viali dei Giardini del Lussemburgo o per fare shopping sugli Champs Élysées, scegliere il treno notturno vi permetterà di non perdere una giornata di viaggio. Inoltre, questo tragitto lungo 687 kilometri ha un’impronta ambientale nettamente più ridotta rispetto a un volo aereo.

Pubblicità

Come sono gli interni del treno notturno?

intericity_notte_parigi-nizza
Il corridoio dei vagoni letto del treno © Monaco Tribune

Il treno presenta uno stretto corridoio lungo tutta la carrozza, che è divisa in scompartimenti con cuccette sovrapposte. La prima classe può ospitare quattro passeggeri e la seconda classe fino a sei. Sebbene gli scompartimenti siano abbastanza stretti, c’è spazio per riporre una valigia e persino un’area riservata alle biciclette in fondo alla carrozza (a patto di prenotare in anticipo). A bordo sono disponibili anche piccoli bagni con toilette e lavandini.

Devo indossare il pigiama?

Noi abbiamo commesso questo errore e vi suggeriamo di non ripeterlo! Con 6 passeggeri per cabina, c’era ancora meno spazio e intimità di quanto ci aspettassimo. Il soffitto era così basso che le persone nella cuccetta più in alto avevano spazio solo per sdraiarsi e dovevano piegare il collo se volevano sedersi. Questo è stato uno degli unici inconvenienti del viaggio. Invece del pigiama, la maggior parte dei viaggiatori indossava abiti comodi (pantaloni della tuta, leggings, ecc.): un’ottima soluzione non solo per dormire, ma anche da indossare all’arrivo.

Pubblicità »

Per risparmiare tempo e per evitare di dover rovistare tra i bagagli in mezzo alla cabina, preparate tutto l’occorrente per la notte nello zaino o in una borsa separata da tenere a portata di mano.

Altra scelta da effettuare con cura è quella del letto. Tenete a mente che le persone disabili o con problemi di mobilità potrebbero avere difficoltà a raggiungere le cuccette del mezzo o quelle in alto. Inoltre, come abbiamo capito molto presto, i posti in alto sono quelli dove fa più caldo nelle notti estive malgrado l’aria condizionata.

Riuscirò davvero a dormire?

treno_notturno_parigi_nizza_sncf
Il kit fornito su ogni letto © Monaco Tribune

Incredibilmente, sì! Anche se si sente il rumore del treno che sferraglia sui binari per tutta la notte, il dondolio è molto rilassante e aiuta ad addormentarsi facilmente. Per isolarsi in modo efficace dal rumore si possono usare dei tappi per le orecchie.

Pubblicità »

Il comfort delle cuccette è garantito da un letto imbottito, abbastanza comodo per passare una notte tranquilla, anche se lontani dal lusso di un hotel a 5 stelle. Non c’è bisogno di portare con voi il vostro cuscino preferito perché la SNCF lo fornisce insieme al sacco a pelo: entrambi, naturalmente, perfettamente puliti. Per chi non riesce ad addormentarsi senza leggere qualche riga del suo romanzo preferito, c’è anche una lampadina per ogni letto.

Avete dimenticato i tappi per le orecchie? Nessun problema! Troverete sul letto un kit per la notte con una bottiglia d’acqua, una mascherina per gli occhi, i tappi per le orecchi, dei fazzoletti, una salvietta rinfrescante e una pastiglia di dentifricio solido.

Mi sentirò al sicuro?

Possiamo decisamente rispondere di sì: spazi unicamente riservati alle donne, porte che si bloccano dall’interno e un capotreno sempre presente presso il punto informazioni in caso di necessità. Inoltre, sebbene il treno si fermi in otto città, non viene effettuata nessuna fermata tra mezzanotte e le sei del mattino. Potete quindi dormire sonni tranquilli. Se tutto va secondo i piani, arriverete in stazione a Nizza (Nice-Ville) alle 9:06.

Un ultimo consiglio: portate con voi una bottiglia d’acqua in più e uno spuntino o addirittura un pasto per risparmiare e dormire serenamente. La SNCF dà comunque la possibilità di prenotare del cibo aggiuntivo in anticipo. Sui treni non è ancora disponibile la rete Wi-Fi, quindi assicuratevi di avere qualcosa per intrattenervi, scaricando film o giochi in anticipo.

Insomma, vi consigliamo vivamente di scegliere il treno notturno per il vostro prossimo viaggio tra la Ville Lumière e la Baia degli Angeli di Nizza. È un modo divertente, ecologico ed economico per viaggiare. Il biglietto di sola andata costa tra i 35 e i 65 euro. Per prenotare, consultate il sito della SNCF. Un altro vantaggio: è possibile viaggiare portando una bicicletta o un animale domestico, a patto che quest’ultimo paghi il biglietto.