Dopo il rinvio ufficiale delle Olimpiadi di Tokyo 2020, gli sportivi monegaschi hanno parlato delle loro impressioni a Monaco Tribune. Ecco le reazioni di Hugo Micallef, Lucas Catarina, Xiao Xin Yang, Quentin Antognelli e Kévin Crovetto.

 

Hugo Micallef (Pugilato)

Avevo sperato che i Giochi Olimpici potessero svolgersi nella data originaria, ma ero consapevole dei problemi e delle problematiche legate alla pandemia del coronavirus. In fondo, mi aspettavo che le Olimpiadi fossero rimandate“, spiega il pugile monegasco, confinato con il suo allenatore e preparatore atletico a Montecarlo. “Questa decisione mi ha sconvolto, ma non mi sorprende. Ora parlerò con il mio agente per vedere cosa faremo. Se divento professionista dall’inizio della stagione, come originariamente previsto, o se rimango un dilettante fino alle Olimpiadi. Ma in ogni caso, l’obiettivo è di andare a Tokyo l’anno prossimo“.

 

Lucas Catarina (Tennis) 

Era previsto. Era solo questione di tempo. La situazione attuale è molto più che semplice sport“, dice Lucas Catarina, tra due sessioni di rafforzamento muscolare nel suo parcheggio. “Per me non è necessariamente una delusione. Mi dà ancora un anno di tempo per migliorare, progredire e entrare nella classifica ATP. I Giochi Olimpici devono rimanere una grande festa. L’anno prossimo, almeno, tutti gli atleti partiranno su un piano di parità. Per correttezza, è meglio”.

 

 Xiao Xin Yang (Ping Pong)

Penso che sia una buona notizia per tutti“, dice la giocatrice di ping-pong monegasca, confinata a casa sua a Parigi. “La situazione attuale non è facile per gli atleti e per tutti i volontari. Dal punto di vista della salute, questo rinvio è la soluzione migliore. Dopo, di sicuro, sono rimasto un po’ deluso quando ho sentito la notizia. Tutto è rimandato di un anno. Siamo un po’ incerti sulle qualifiche. Ma lo sport si sta mettendo in secondo piano”.

 

Quentin Antognelli (Canottaggio)

Quando ci si allena per quasi quattro anni, questa decisione sarà sicuramente un duro colpo per il morale“, lamenta Quentin Antognelli, che è confinato vicino a Oxford, in Inghilterra, insieme ad altri quattro vogatori. “Avevo programmato di finire i miei studi con più tranquillità l’anno prossimo, ma dovrò guardare indietro a un anno molto impegnativo come quello appena concluso. Siamo anche delusi perché perderemo l’intera stagione e in particolare la più grande regata inglese. Dovremo aspettare almeno fino a settembre e ai campionati francesi per tornare in acqua“.

 

Kévin Crovetto (Ginnastica)

Capisco perfettamente questa decisione. La salute viene prima di tutto. Siamo in una crisi globale senza precedenti. Il rinvio delle Olimpiadi è del tutto giustificato“, dice Kévin Crovetto, che intende approfittare del confino per curare le sue ultime piaghe, lui che è rimasto in convalescenza dopo la rottura di un tendine del bicipite. “Bisogna saperli distinguere. Lo sport e i Giochi Olimpici sono importanti, ma data l’entità della pandemia, il Cio ha preso la decisione giusta. Non possiamo lamentarci del personale medico che sta attraversando un periodo molto complicato“.