Monaco sembra dirigersi verso una ripresa delle attività a partire dal 4 maggio. Un sollievo per più di 5.000 aziende presenti nel Principato, che stanno affrontando numerose difficoltà. Anche se il governo del Principato e il Municipio di Monaco hanno adottato provvedimenti, l’economia monegasca soffrirà sicuramente di questa situazione per molti mesi. Le delucidazioni di Guillaume Rose, direttore generale esecutivo del Monaco Economic Board (Consiglio Economico di Monaco) (MEB), che riunisce 500 aziende.

 

In questo periodo di crisi dovuta alla pandemia del Covid-19, qual è il ruolo del Monaco Economic Board?

Il nostro ruolo è di raccogliere le opinioni e i rendiconti dei nostri membri. Continuiamo a lavorare. Chiediamo loro di prendere posizione di fronte ai diversi aspetti della situazione, le loro perdite di mercato, i loro bisogni… Inoltreremo poi le opinioni al Governo del Principato.

L’economia ha già affrontato una crisi di questa portata in passato?

È la prima volta che si verifica una situazione del genere. Questo non era mai successo, nemmeno durante la crisi del 2008. Siamo in un periodo in cui le aziende non sanno cosa porterà il domani. L’economia è soffocata e più passa il tempo, più ci avviciniamo allo spettro della crisi del 1929… Tutto questo è molto nocivo per l’economia.

Quali aziende monegasche sono particolarmente colpite?

Abbiamo effettuato un’indagine su 36 aziende e le difficoltà variano. Ad esempio, il settore agro-alimentare sembra esser stato risparmiato dalla crisi. Ci sono sicuramente delle difficoltà ma se la sta cavando bene. Al contrario, i settori degli eventi e del turismo sono i più colpiti. Non è la dimensione dell’azienda che conta, ma il suo settore di attività.

Il Governo del Principato ha attuato dei provvedimenti per aiutare le aziende. Come considera questi aiuti?

Sono coerenti, generosi e secondo me adatti. Sono utili per salvare l’economia. Lo Stato è davvero prospero ma piccolo. Monaco non fa parte dell’Unione Europea, non beneficiamo del fondo di garanzia europeo. Ma c’è molta resistenza in questo momento di crisi. È un sistema stabile, chiaro e netto che è vantaggioso per le aziende e garantisce un minimo di benefici per i dipendenti.

Come considera la fine della quarantena?

Monaco ha un vantaggio rispetto alla Francia, ovvero la fine della quarantena una settimana prima, il 4 maggio. Questo ci permetterà di mettere in atto strategie, riaprire i negozi, far tornare i lavoratori, applicare una serie di misure. In ogni caso c’è volontà di andare avanti. Ma penso che non torneremo alla vita normale prima della fine dell’anno. Le cose torneranno alla normalità pian piano. Se la stagione turistica è morta, tutto sarà più complicato. Ma più del 60% del turismo monegasco proviene dall’Unione Europea. Se l’epidemia viene contenuta e il 4 maggio poniamo fine alla quarantena, sicuramente ripartiremo.

Si aspetta delle conseguenze a lungo termine?

È difficile prevederlo. Monaco esporta molto, in particolare in Africa. Se questo continente è fortemente colpito, ci sono ancora conseguenze da temere per il Principato. Si tratta di una situazione di incertezza pressoché totale. Secondo gli economisti, per ogni mese chiusi in casa, si stima che ci vorranno 6 mesi per riprendersi…La crisi sanitaria è stata evitata a Monaco. Cosa ne sarà della crisi economica? A mio avviso, abbiamo molto da temere dalle conseguenze economiche di questa quarantena.