Il primo si trova proprio sul lungomare, la passeggiata Marconi, e il secondo nel cuore del centro storico.

La città di Ventimiglia sta decisamente cambiando volto. È in atto un processo di rigenerazione urbana che ha colto un’opportunità inaspettata nell’inaugurazione della nuova marina di Cala del Forte. Situata a ovest della città, Cala del Forte è diventata il terzo porto di Monaco, dopo che il Principato l’ha ottenuta in concessione per 85 anni.

Una volta terminati i lavori e dopo l’inaugurazione dell’estate scorsa, mancavano solo le infrastrutture per accogliere i diportisti che frequentano la nuova zona. I due ristoranti che apriranno i battenti nei prossimi mesi andranno quindi ad ampliare l’offerta locale.

Il DRY Ventimiglia

nuovo-ristorante-dry-ventimiglia
© DR

Il nuovo ristorante sarà situato in piazza Marconi, ai piedi del centro storico e alla foce del fiume Roia. Per chi conosce la zona, il locale andrà a sostituire l’ex Oblò Cafè.

Gli arredi del ristorante prenderanno ispirazione dal territorio ligure, vestendosi dei toni del blu e del bianco, in perfetta armonia con l’ambiente circostante. Uno stile decisamente diverso dagli altri ristoranti DRY, situati a Milano, più moderni e urbani.

Dal punto di vista gastronomico, le protagoniste saranno le pizze che hanno decretato il successo dei ristoranti milanesi, accompagnate da una vasta gamma di cocktail che ben si sposano con la location fronte mare.

ventimiglia-nuovo-ristorante-dry-compressed
© DR

Il Venti

nuovo-ristorante-venti-ventimiglia
© DR

Un po’ più in alto, in piazza Colletta, tra le vie della città alta, aprirà vicino alla chiesa il ristorante Venti. La struttura aspira a diventare il ristorante romantico per eccellenza della città: l’atmosfera intima sarà ricreata da sale che ricordano l’interno di una raffinata imbarcazione in legno e da un patio per cene a lume di candela, tra ulivi illuminati da luci soffuse.

Lo chef del ristorante, Diego Pani, porterà in tavola “una cucina che guarda al Mediterraneo, culla di culture”. L’olio d’oliva, in particolare quello a base di olive taggiasche, sarà il protagonista indiscusso.