Notizia

Aeroporto Nizza-Costa Azzura: via libera dal Tribunale amministrativo per l’ampliamento del Terminal 2

aeroporto-nizza-costa-azzurra
Ufficio Turismo Nizza

È previsto un ampliamento di 25.000 m2 che dovrebbe offrire ai passeggeri “migliori condizioni di accoglienza e di sicurezza”.

In seguita all’udienza del 19 settembre scorso, il Tribunale amministrativo di Marsiglia ha emesso sentenza approvando l’ampliamento dell’Aeroporto Nice-Côte d’Azur. Questo intervento prevede un’estensione di 25.000 m2 del Terminal 2, con due edifici supplementari e sei nuovi gate per l’imbarco.

Secondo il comunicato reso pubblico dall’aeroporto, il Tribunale avrebbe specificato che “il progetto non comporterà un aumento significativo e certo del traffico aereo”, affermazione con cui respinge le critiche delle associazioni ambientaliste. Secondo la sentenza, l’aumento del numero di passeggeri “sarà ottenuto principalmente continuando a ottimizzare il fattore di carico degli aerei e aumentando le capacità degli aeromobili”, e non aumentando il numero di aerei circolanti all’interno dell’aeroporto.

L’aeroporto di Nizza, invece, sottolinea che il 36% dei passeggeri sono residenti e il 24% sono viaggiatori abituali: “Ciò contraddice l’idea di un turismo eccessivo, visto che il limite di nuovi viaggiatori è meno di un milione”. Si insiste anche sulle buone pratiche in materia ambientale, come l’impegno assunto dall’aeroporto nel 2020 per arrivare alla neutralità senza compensazioni entro il 2030 (includendo nei calcoli il progetto di ampliamento del Terminal 2).

LEGGI ANCHE: Nizza-Monaco via mare: niente navette prima del 2026

14,5 milioni di passeggeri nel 2019

Teoricamente, la capacità di accoglienza massima dell’aeroporto è di 14 milioni di passeggeri: questa cifra viene spesso superata, come è accaduto ad esempio nel 2019, quando si è arrivati a 14,5 milioni. Secondo le previsioni, l’ampliamento del Terminal 2 porterà la capacità teorica di accoglienza dell’aeroporto a 18 milioni.

Questo garantirà migliori condizioni di accoglienza e sicurezza, ma permetterà anche, in caso di una nuova ondata di Covid-19, di rispettare più facilmente la distanza interpersonale.